CONDIVIDI
Johnny Depp e Amber Heard

Johnny Depp ha accusato l’ex moglie Amber Heard di averlo “picchiato con due pugni in faccia” per essersi presentato tardi alla sua festa di compleanno ad Aprile 2016.

Johnny Depp ha accusato l’ex moglie Amber Heard, modella, si averlo picchiato nel 2016 e per questo motivo l’ha citata in giudizio. Gli avvocati dell’attore hanno depositato gli atti raccontando l’evolversi della situazione che ha portato la modella a colpirlo. Secondo gli atti del tribunale, la vicenda si è svolta ad Aprile 2016 quando, nel giorno del proprio compleanno, il divo si è presentato con 2 ore di ritardo e, come raccontato dai legali, Amber avrebbe iniziato a criticarlo aspramente per questo motivo. Il racconto del fatto è proseguito successivamente ripartendo dal momento in cui l’attore si è trovato a letto con sua moglie e questa, sotto l’effetto dell’alcool, “si è fatta aggressiva e violenta, dandogli due pugni in faccia”. Così, Johnny Depp si sarebbe “difeso afferrando le braccia di Miss Heard per impedirle di tirargli altri pugni e le avrebbero detto di fermarsi”, e successivamente “l’ha spinta sul letto dicendole che se ne sarebbe andato e che non avrebbe dovuto seguirlo”.

Leggi anche —> Rihanna sulla copertina di Vogue a Settembre: “Le curve? Spero di non perderle”

Johnny Depp porta in tribunale sua moglie dopo le accuse lanciategli dal The Sun

La citazione in giudizio intentata da Johnny Depp comprende anche le accuse intentate contro il giornale The Sun, che ad Aprile scorso definì l’attore: “Uno che picchia la moglie”. L’ex moglie, infatti, fra le altre cose aveva chiesto, prima della citazione in giudizio di Depp, un’ordinanza restrittiva nei confronti dell’attore per un episodio di violenza subìto sempre nel 2016. I legali di Amber avevano riferito una vicenda nella quale l’attore avrebbe attaccato la moglie con violenza durante una lite svoltasi nel loro attico a Los Angeles dove le avrebbe tirato un cellulare in pieno volto. Colpita “con estrema violenza” la donna avrebbe chiamato la polizia ed avrebbe scattato delle foto probatorie, ma solo successivamente. Le foto della modella mostravano lividi che, però, i due poliziotti accorsi sul posto e chiamati a testimoniare da Johnny Depp a processo, al momento dell’accaduto non avrebbero visto: “Quando uno dei poliziotti ha chiesto a Ms Heard cosa fosse successo lei ha risposto ‘nulla’”. I legali dell’attore hanno, inoltre, riferito che quando i bodyguard di Johnny Depp hanno sentito gridare sono accorsi ed hanno visto l’attore “in piedi nella cucina, lontano da Ms Heard. In quel momento Ms Heard ah gridato ‘Smettila di colpirmi, Johnny’ nel telefono. Il ricorrente non stava colpendo Ms Heard. Ms Heard era a circa 7 metri di distanza”. La difesa di Amber Heard, ovviamente, ha ribattuto alle accuse: “Queste affermazioni sono totalmente false. Basta leggere l’articolo del Rolling Stone su Mr Depp e la causa intentata contro di lui da un location manager, tra le molte altre news e cause legali, per capire il suo stato mentale”.

Marta Colanera