CONDIVIDI
(Facebook)

Sofia Calliope Zilio aveva raccontato della sua malattia sul suo blog ma, purtroppo, non cel’ha fatta.

Sofia Calliope Zilio, ragazza di 26 anni di Cadoneghe, in provincia di Padova, era stata in lotta contro il cancro sin da quando era bambina ma negli ultimi mesi aveva deciso di condividere con il web la propria esperienza per trarne qualcosa di buono. La ragazza, infatti, con la sua positività ha ispirato moltissime persone affette da neoplasia come lei o che hanno familiari nelle stesse condizioni, incitandoli a non mollare mai ed a continuare a vivere gioiosamente, nonostante tutto. Purtroppo, però, nonostante il seguito di famiglia, amici e followers che la sostenevano, ieri si è spenta. Il ‘blog-diario’ di Sofia era seguitissimo soprattutto il giovedì quando la 26enne aggiornava i suoi followers su tutte quelle che erano state le novità della settimana, buone o cattive che fossero, con sincerità.

Leggi anche —> Franco Battiato gravemente malato: “Ha l’Alzheimer, un lento arrivederci”

La lotta contro il cancro di Sofia era iniziata a 15 anni e da 6 mesi aveva aperto un diario-blog

La 26enne di Cadoneghe era stata di grandissima ispirazione per il suo coraggio nell’affrontare il cancro e per la sua voglia di vivere che sembrava non avere nè limiti nè confini. Sofia Calliope Zilio aveva, infatti, già affrontato la malattia a 15 anni quando dovette abbandonare il sogno di diventare una ballerina a causa dell’insorgere di una neoplasia all’osso di una gamba. Eppure aveva vinto, sia la malattia che il dolore di non poter realizzare il proprio sogno. La ragazza, infatti, aveva iniziato ad appassionarsi al canto grazie all’associazione di volontariato Team for Children. Quando la malattia, però, si è ripresentata nella sua vita aggredendo il polmone, la ragazza ha deciso di affrontare la neoplasia con la stessa speranzosa positività. La 26enne, dunque, ha aperto un blog ed il suo cuore al mondo attraverso una pagina Facebook.

Un universo digitale, fatto di sconosciuti con le sue stesse paure e la stessa voglia di vivere, che hanno trovato nel diario una fonte di conforto e compassione al tempo stesso. “Ho deciso di iniziare a scrivere questa pagina dopo essermi riaccaduta una triste situazione a livello di salute, ho ricercato nel web un sostegno pratico e veloce da parte di qualche altro utente ma ciò non è accaduto”, ha raccontato Sofia ai suoi followers.

In ricordo di Sofia la pagina di Team For Children, associazione che l’aveva presa per mano a 15 anni e le aveva ispirato la passione per il canto, le ha dato l’ultimo saluto: “Ciao Sofia, hai cantato per aiutare i bambini ammalati ma purtroppo nessuno ha potuto aiutare te.Continua a cantare ora che sei libera  💛…”

Marta Colanera