CONDIVIDI
caldo-afa-consigli-come-combattere
iStock

Caldo torrido e afa: agosto da incubo, come combattere l’afa e l’umidità.

In questi giorni il caldo torrido e l’afa si stanno facendo sentire in modo esagerato. Si soffre in casa, si soffre in ufficio e si soffre anche al mare nonostante i più fortunati possano correre in spiaggia per qualche istante in pausa pranzo per rinfrescarsi un attimo. Vediamo allora cinque rapidi consigli per rinfrescarsi e sopravvivere al caldo torrido di questi giorni.

Per sapere tutto sulle previsioni meteo dei prossimi giorni leggi qui:

Consigli per combattere l’afa

  • Vestirsi di bianco e di lino: abbandonate i tessuti sintetici e gli abiti aderenti troppo scuri. Questi richiamano il caldo e vi fanno sudare. Se siete in ufficio sappiate che una vera manna sono i vestiti larghi e leggeri, meglio se in lino e ancora più smart per combattere l’afa è indossare abiti di colori chiari.
  • Tenere le persiane chiuse in casa: se volete che la vostra casa non sia una fornace il consiglio per combattere il caldo è quello di chiudere le persiane o le tapparelle in casa. Così facendo, lasciando le finestre aperte, farete circolare l’aria, ma non creerete il tremendo effetto serra con i raggi solari che entrano delle finestre scaldando tutta la zona.
  • Bere molta acqua: se siete disidratati sentirete molto di più il caldo torrido di questi giorni. Meglio bere molta acqua, non fredda, ma a temperatura ambiente. Sarete a vostro agio, suderete molto meno e riuscirete a sopravvivere a queste giornate tremende e afose.
  • Occhio all’alimentazione: mangiare un super panino o un piatto di lasagne con questo caldo non è l’ideale. Cercate di nutrirvi con frutta e verdura, che vi danno molta più acqua e vi fanno sentire sazi, ma senza appesantirvi troppo.
  • Uscire nelle ore meno calde: se potete cercate di uscire al mattino presto, oppure alla sera quando il sole tramonta. Sono queste le ore più fresche in cui si alza un po’ di brezza e sembra di stare molto meglio visto che l’umidità cala un po’.