CONDIVIDI
(Web)

In Liguria un bambino di 9 anni era in una piscina sita all’interno di un campeggio quando è stato risucchiato dal bocchettone della vasca.

In Liguria un bambino di 9 anni che si trovava in campeggio con la famiglia era entrato in piscina quando, improvvisamente, è stato risucchiato dal sistema di aspirazione della piscina. I turisti presenti alla scena sono rimasti sconvolti ma un bagnino e due uomini si sono subito lanciati in acqua per tentare di salvare il bambino. I due turisti che hanno contribuito a liberare il bimbo dalla morsa dell’aspiratore si trovavano a bordo piscina ed hanno assistito proprio al momento in cui il bocchettone con la sua forza di aspirazione ha trascinato il piccolo sott’acqua. L’incidente ricorda tristemente l’episodio accaduto pochissimo tempo fa a Sperlonga dove una ragazzina di soli 13 anni è stata aspirata dal bocchettone della piscina del Virgilio Grand Hotel.

Leggi anche —> Sperlonga, è morta la 13enne risucchiata dal bocchettone della piscina

Il bambino di 9 anni, nonostante il drammatico incidente, è sopravvissuto

I testimoni dell’accaduto hanno riferito il panico generalizzato che si è scatenato nel momento in cui il bambino è stato risucchiato in acqua dall’aspiratore della piscina ma, diversamente da come è accaduto per la sfortunata Sara Basso, il piccolo in questo caso si è salvato. I turisti che sono intervenuti per salvarlo, infatti, hanno assistito alla scena da bordo vasca e sono, quindi, potuti essere estremamente tempestivi. Inoltre, nella piscina del camping era in servizio un bagnino che ha assistito il bambino facendolo riemergere dall’acqua e contribuendo alla rianimazione: “Abbiamo praticato tre cicli di rianimazione cardiopolmonare e si è svegliato”, hanno riferito i soccorritori durante le indagini per determinare i motivi dell’accaduto.

Leggi anche —> Sara, risucchiata dal bocchettone: il defibrillatore che poteva salvarla non funzionava

All’opposto di come era successo per la povera Sara, infatti, il bagnino essendo già nelle vicinanze della piscina è potuto intervenire in tempi adeguati. Nonostante la paura, quindi, in questo caso l’episodio si è concluso positivamente ma, è certo, verranno condotte delle indagini approfondite per determinare il motivo del malfunzionamento del sistema di aspirazione della piscina e per evitare che accada ancora una tragedia simile.

Marta Colanera