CONDIVIDI
Georgette Polizzi
(Instagram)

Il dramma di Georgette Polizzi, dalla scoperta della malattia al lieto annuncio in un’intervista: “Sposerò presto Davide”.

Torna a parlare Georgette Polizzi, ex concorrente di Temptation Island, che è costretta sulla sedia a rotelle a causa della sclerosi multipla. Di recente, per lei, era arrivato un nuovo ricovero in ospedale, ma la giovane non sembra assolutamente intenzionata ad arrendersi e porta avanti la sua battaglia. La stilista 35enne ha raccontato il suo dramma in una intervista a Radio Radio concessa a Giada Di Miceli.

Leggi anche –> Georgette Polizzi ricoverata di nuovo in ospedale: “Ho paura”

Dalla scoperta della sclerosi multipla al matrimonio di Georgette Polizzi

Spiega Georgette Polizzi: “Sono andata a letto, ero normalissima. Mi sono svegliata e ho perso completamente la sensibilità del busto… Io non sentivo più niente, ho detto sarà lo stress e dopo due giorni sono andata in pronto soccorso e nel giro di qualche ora non camminavo più e mi sono paralizzata completamente”. C’è ora qualche progresso: “Da due giorni a questa parte cammino. Muovo bene anche le braccia. Sono felice anche perché poteva andarmi peggio”.

Prosegue la stilista: “Perdere la sensibilità delle mani. Io ad oggi non sento niente con il palmo delle mani, ho paura di perdere il controllo perché le mani sono il mio lavoro. Può essere paradossale ma preferirei perdere le gambe”. Georgette Polizzi rivela quindi che sposerà presto il suo fidanzato Davide Tresse: “Io mi vergognavo tantissimo, lui è stato pazzesco. Ha fatto tanto e alla fine mi ha anche chiesto di sposarlo. Lui era restio al matrimonio. Ha detto che gli ho dimostrato di essere una combattente, una guerriera e così ha cambiato idea sul matrimonio. Comunque sì, ci sposiamo. Stiamo decidendo la data”. La presenza del fidanzato, rivela Georgette Polizzi, è stata decisiva: “Per la terza volta mi sono innamorata follemente lui. Lui ha avuto un controllo della situazione pazzesco, mi è stato vicino, mi ha aiutato e parliamo anche di cose che magari nessun uomo farebbe. Spingere una carrozzina, lavare la propria donna. Vederlo con il sorriso portarmi in bagno, lavarmi, aiutarmi è stata una cosa che mi ha riempito il cuore. Lui lo faceva col sorriso”.