CONDIVIDI

rachael bland

Mamma malata terminale decide di scrivere un libro per suo figlio di due anni: “Voglio lasciare qualcosa per lui”

Rachael Bland stava guardando suo figlio di due anni giocare quando è arrivata la chiamata devastante. “Mi dispiace, ho brutte notizie”, disse la voce all’altro capo della linea. Il cancro era ora diventato incurabile. Rachael capì che probabilmente non avrebbe visto crescere il suo bambino. Così ha escogitato un piano per garantire che, anche se lei non potesse essere lì, il suo ricordo ci sarebbe sempre stato. La quarantenne giornalista della BBC ora sta finendo le sue memorie, una sorta di guida per il figlio. Rachael ha dichiarato: “È un’idea che ho avuto da quando mi è stato diagnosticato il cancro, ma non pensavo che avrei dovuto metterlo in atto. Da quando ho ricevuto la notizia, volevo solo lasciare qualcosa per lui. Crescendo, potrà leggere tutte le storie su di me da mio marito Steve. Ma lui non le ricorda tutte nel modo in cui le ricordo. Con questo libro spero possa capire la mia personalità e sentire la mia voce attraverso le pagine. Non so quanto tempo mi rimane e volevo davvero lasciare qualcosa per lui.”

“For Fred”, una guida alla vita senza la mamma

Il libro si chiamerà “For Fred”: “L’ultimo capitolo sarà un messaggio conclusivo a Freddie. Voglio che sappia che può essere chiunque voglia essere e fare tutto ciò che vuole, io sarò sempre orgogliosa di lui. Non voglio che sia trattenuto o preoccupato per le cose. Voglio solo che lui abbia una vita felice e faccia tutto ciò che può per essere una persona gentile e generosa”. A Rachael è stato diagnosticato un cancro al seno nel novembre 2016. Si è diffuso ai suoi linfonodi e ad aprile di quest’anno i test hanno dimostrato che era terminale. Dice che la “parte più difficile” della sua diagnosi è stata gestirla da madre. “Freddie è troppo giovane per capire, quindi non ho avuto quella conversazione con lui. ‘Crescerà senza ricordare chi sono’, l’unica volta che mi arrabbio davvero è quando lo guardo e questi pensieri mi vengono in mente. Penso, ‘Se è arrabbiato per qualcosa che cosa farà se non ci sono?’ Voglio vedere Freddie andare a scuola, andare all’università, voglio essere lì per quando si unisce a una squadra di calcio e tutte queste cose. . . ”