CONDIVIDI
Trump, l'attestato di stima per Marchionne: "Tra i più brillanti dopo Henry Ford"
(Getty Images)

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è unito agli attestati di stima nei confronti di Marchionne definendolo: “Tra i più brillanti dopo Henry Ford”.

I messaggi di cordoglio per la famiglia e gli attestati di stima nei confronti di Sergio Marchionne dopo il suo improvviso decesso sono giunti non solo dall’Italia o dai suoi stretti collaboratori, ma anche da personaggi influenti del mondo dell’industria automobilistica e da uomini politici di tutto il mondo. A questi si è unito anche il presidente degli Stati Uniti in carica Donald Trump, il quale ha mostrato profonda stima nei suoi confronti e sincero dispiacere per la sua scomparsa.

Leggi anche -> Il ricordo di Marchionne: “Quando portò la torta e lo spumante e ci abbracciò tutti”

Leggi anche -> Marchionne promise: «Il regalo a mio figlio? Smettere di fumare» – VIDEO

L’attestato di stima di Donald Trump nei confronti di Marchionne: “Era tra i più brillanti, la sua assenza sarà pesante”

Dopo essere venuto a conoscenza del trapasso di Sergio Marchionne, Trump ha affidato al proprio profilo ‘Twitter’ il suo messaggio di stima nei confronti del manager. Nel tweet il presidente USA esordisce scrivendo: “Sergio Marchionne, che è trapassato oggi, è stato uno dei manager dell’industria automobilistica più brillanti e di successo sin dai tempi del leggendario Henry Ford”. Il parallelo con lo storico industriale americano è un grande onore per qualsiasi manager dell’industria automobilistica: Ford non ha solo creato il marchio automobilistico che porta il suo nome, ma è stato un vero e proprio innovatore dell’industria pesante essendo l’ideatore e primo utilizzatore del modello della catena di montaggio introdotto nei primi anni del ‘900.

La seconda parte del messaggio di Trump è più personale ed esprime tutto l’orgoglio provato per aver conosciuto personalmente l’ex amministratore delegato della FCA: “E’ stato un grande onore per me aver conosciuto Sergio Marchione come Presidente degli Stati Uniti d’America, lui ha amato l’industria automobilistica, ha lottato per questa. La sua assenza peserà”.

Leggi anche -> Marchionne, il papà di Manuela rivela: “Era malato da un anno”