CONDIVIDI

La Ferrero propone un lavoro da sogno per chi è goloso. L’azienda di Alba cerca e assume 90 giudici sensoriali per la Nutella

Un lavoro da sogno, soprattutto per chi è goloso e amante della mitica Nutella. La notizia è spuntata qualche ora fa attraverso un annunci sul portale dedicato al mercato del lavoro Openjobmetis. La Ferrero, multinazionale italiana specializzata in prodotti dolciari, ha aperto le selezioni per individuare ben 90 giudici sensoriali. Si tratta di veri e propri consulenti pagati per assaggiare Nutella e ingredienti costitutivi. Dopo una prima selezione, i prescelti passeranno da 90 a 40. Saranno loro i migliori secondo la Ferrero e quelli più adatti per testare la Nutella.

Leggi anche –> Il lavoro goloso: assaggiatore di cioccolato, pubblicato l’annuncio

L’annuncio della Ferrero per cercare giudici sensoriali

Dall’annuncio presente online e pubblicato dal colosso dolciario di Alba, il lavoro dovrebbe essere svolto complessivamente in due giorni a settimana presso la sede della Ferrero. Per i più scettici, ecco il testo dell’offerta di lavoro presente da poche ore sul portale: “Si ricerca per importante azienda alimentare, 90 giudici sensoriali – assaggiatori/trici di semilavorati dolciari. È richiesta abitudine all’utilizzo del computer e assenza di allergie legate a prodotti di questo genere o di patologie/abitudini che possano influenzare le capacità sensoriali coinvolte (gusto, olfatto e la vista nella distinzione dei colori). È richiesta disponibilità part time, 2 giorni alla settimana, 2 ore per giorno (mattina o pomeriggio). si offre corso di formazione che avrà l’obiettivo di educare il senso dell’olfatto e del gusto e a migliorare la capacità di esprimere a parole ciò che si percepirà con gli assaggi dei prodotti semilavorati e contratto di somministrazione duraturo”. La Nutella fu preparata nel 1964 dall’industria dolciaria piemontese Ferrero di Alba. Tutto è partito da una precedente crema denominata Pasta Giandujot e poi SuperCrema. Il nome deriva dal sostantivo nut, che significa «nocciola» in inglese, e il suffisso italiano -ella, per ottenere un nome orecchiabile.

Leggi anche –> L’offerta di lavoro più golosa del mondo: come diventare assaggiatore di nuggets