CONDIVIDI
Cammino nel bosco (iStock)

Un uomo che stava facendo trekking con il suo cane nel bosco ha trovato il corpo di una neonata senza vita: i genitori l’avevano abbandonata.

Una neonata è stata trovata senza vita in un bosco da un uomo che stava passeggiando con il suo cane a Heywood, nei pressi di Rochdale. L’uomo aveva l’abitudine di fare portare con sè il suo cane durante le sue passeggiate nel bosco ma il docile animale si è improvvisamente agitato nel tentativo di condurre il proprio padrone sulle tracce della bambina, ormai già senza vita. La neonata è stata trovata nuda il un posto isolato della radura e l’uomo l’ha trovata, così, quasi per caso, grazie all’aiuto del fiuto del segugio. Quando l’uomo ha allertato le autorità sono subito scattate le indagini per capire perchè la piccola, morta a poche ore dalla propria nascita, sia stata brutalmente abbandonata nella natura.

Leggi anche —> Prete rischia un linciaggio per aver molestato una bambina di 10 anni

I genitori della neonata sono stati arrestati: sono finiti in manette

La bambina ritrovata si chiamava Pearl ed è stata rinvenuta senza alcun indumento indosso. Le ipotesi sulla tragedia sono ancora molte ma si sta cercando di capire, principalmente, se la bambina al momento dell’abbandono fosse stata ancora viva o se la morte sia avvenuta appena dopo il parto. Gli elementi rimasti oscuri riguardo la vicenda, però, sono ancora moltissimi. Non si conosce, infatti, il motivo per cui il parto dell’infante sia avvenuto nel bosco e perchè i genitori abbiano lasciato la piccola a soccombere in un modo tanto crudele. I genitori, però, sono stati individuati e l’infante in questo modo otterrà almeno la giustizia che merita una vita spezzata così tragicamente. Sono finiti in manette un uomo di 48 anni ed una 33enne ma i motivi e le dinamiche che hanno portato la coppia, o solo la madre, a compiere tale gesto sono tutt’ora oscuri. Certamente se verrà scoperto che la bambina, dopo il parto, era ancora in vita la situazione per i due genitori sarà ancor più critica.

Marta Colanera