CONDIVIDI
Morto Sergio Marchionne: le reazioni alla scomparsa del manager di FCA
(Getty Images)

Poco fa è giunta la notizia della morte di Sergio Marchionne. Molti già i messaggi di cordoglio diffusi da alcuni degli imprenditori più importanti d’Italia.

Dopo quasi una settimana di agonia in un letto di un’ospedale di Zurigo Sergio Marchionne, manager che ha rivoluzionato il brand Fiat nel mondo, è morto a 66 anni. Secondo quanto diffuso nei giorni scorsi la causa della morte è stato un sarcoma invasivo alla spalla per il quale era stato operato ma che si era diffuso ad un punto tale da non lasciare speranze di recupero. Qualche giorno fa, infatti, era stato John Elkann a dire che il manager era in uno stato di coma irreversibile e che presto sarebbe, purtroppo, deceduto. Già nei giorni scorsi erano stati in molti a condividere dei messaggi di solidarietà nei suoi confronti sia nel mondo dell’imprenditoria che in quello della politica, dei messaggi che oggi diventano da attestati di stima ad espressioni di cordoglio per la scomparsa di un manager capace e innovativo.

Leggi anche -> Sergio Marchionne è morto a 66 anni: addio all’ex ad FCA

Leggi anche -> La commovente lettera di Marchionne ai suoi dipendenti: “Cari colleghi…”

Morte Marchionne: i messaggi di cordoglio da parte degli imprenditori e dei politici

A pochi minuti dalla conferma della dipartita di Sergio Marchionne sono numerosi i messaggi di cordoglio nei confronti della famiglia. Il primo a condividere il proprio dispiacere per la scomparsa dell’amico è stato proprio John Elkann che ha dichiarato: “E’ accaduto quello che temevamo, Sergio, l’uomo e l’amico se n’è andato”. A seguire il commento del presidente del Torino Urbano Cairo che ha condiviso il dolore suo e di tutto il Torino calcio per la scomparsa di quella che definisce: “Una figura di spicco dell’industria automobilistica italiana e mondiale”. Ad associarsi alle condoglianze sono stati anche Aurelio De Laurentis e Massimo Ferrero, il presidente del Napoli ha scritto: “Marchionne è stato probabilmente il più grande manager italiano dell’ultimo ventennio. Una grande perdita per il mondo dell’imprenditoria”, mentre il numero uno della Sampdoria ha scritto: “È volato in cielo un artista dell’industria, un vero fuoriclasse, operaio geniale che ha fatto brillare il tricolore nel mondo. È proprio vero che i grandi se ne vanno e qui restano solo….(lasciamo perdere, è meglio) ciao Sergio, ti ringrazio da italiano vero”.

Molti messaggi di cordoglio anche da parte delle figure chiave della politica italiana, il primo a commentare per conto del governo è stato il premier Conte che poco fa ha scritto: “Cordoglio mio e da parte di tutto il governo e sentite condoglianze alla famiglia”. Anche l’ex premier Renzi ha voluto lasciare un messaggio di stima nei confronti dell’ex manager: “Un grande uomo, un grande italiano, un grande imprenditore”, seguito da una nota polemica per chi lo ha criticato: “Sono disgustato da chi ancora oggi lo ha insultato”. Messaggi di stima anche da parte di Mariastella Gelmini, Paolo Gentiloni e Matteo Salvini.