CONDIVIDI
(Websource)

In Costa Smeralda una donna di 34 anni è morta dopo essere stata picchiata selvaggiamente durante un festino a base di droghe e alcool.

Una donna 34enne è stata uccisa in una villa sulle colline di Baia Sardinia, nei pressi di Arzachena in Costa Smeralda, in una delle zone più raffinate della Sardegna. Zeneb Badid era di origine marocchina e risiedeva a Arzachena, in Gallura, e si era recata nella casa per partecipare ad un festino a base di droga e alcool quando è stata aggredita con brutalità.

Leggi anche —> Stuprata selvaggiamente omette la denuncia per restare politicamente corretta

La 34enne stava partecipando al festino quando è stata aggredita: due connazionali arrestati

Zeneb Badid, 34enne di origine marocchina, era stata invitata a partecipare ad un festino limitrofo alla sua zona di residenza, così, vi si era recata. Dopo l’aggressione gli altri partecipanti del party hanno allertato i soccorsi e sono giunti sul posto anche i carabinieri che si sono subito resi conto del grande quantitativo di droga e alcool presente nella villa sarda.

Leggi anche —> Arrestato a 11 anni, accusato dello stupro di un bambino di 7 anni

La 34enne, secondo le prime ricostruzioni, è stata malmenata durante la festa da due connazionali che i carabinieri hanno fermato con l’accusa di omicidio poichè la donna è, nel frattempo, morta in ospedale. Zeneb Badid, dopo il pestaggio, è stata infatti trasportata d’urgenza alla struttura ospedaliera Giovanni Paolo II di Olbia ma è deceduta a causa dei forti traumi subiti. I connazionali sotto accusa sono Jalal Hassissou, 40 anni, e Soufyane El Khedar, 36 anni e avrebbero afferrato la 34enne Zeneb Badid per i capelli sbattendole la testa più volte contro i sanitari del bagno. Il perchè non è ancora stato chiarito ma, le ipotesi più accreditate, riferiscono che la lite sia avvenuta per futili motivi.

Marta Colanera