CONDIVIDI
ss 598
(foto Vigili del Fuoco)

Gravissimo incidente stradale mortale sulla SS 598: ancora una strage, bilancio gravissimo con due centauri morti e tre persone ferite.

Un tragico incidente mortale questo pomeriggio lungo la SS 598 che porta da Atena Lucana a Brienza, la cosiddetta ‘Fondovalle dell’Agri’. Non sono ancora chiare le cause dell’incidente dalle gravissime conseguenze. A perdere la vita, per cause ancora in via di accertamento, due persone che erano in sella a una moto. Questa è andata a schiantarsi contro due auto, una Fiat Panda ed una Mini Cooper. I due centauri sono deceduti praticamente sul colpo, mentre si registrano anche tre feriti.

Leggi anche –> Incidente stradale nel Milanese, auto schiacciata tra due tir: un morto

Chi sono le vittime dell’incidente sulla SS 598

Le persone ferite sono state trasportate negli ospedali “San Carlo” di Potenza e “Curto” di Polla. Soprattutto per gli occupanti della Mini Cooper molta paura: la loro auto si è ribaltata in seguito all’impatto. Sul luogo del drammatico incidente, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti anche i vigili del fuoco e i Carabinieri che – fatti i rilievi di rito – hanno avviato le indagini del caso. Diffuse le iniziali delle due vittime: sono C.L., un 52enne di Monopoli, e A.S.,una 45enne di Putignano.

I tre feriti sono invece un 50enne potentino che viaggiava a bordo della Panda, un 28enne e un 17enne di Castel San Giorgio, entrambi a bordo della Mini Cooper. Per il primo si è reso necessario il trasporto in eliambulanza. In particolare, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, agli ordini del caposquadra Luigi Morello, sono intervenuti per estrarre i feriti dalle lamiere contorte. Sul posto anche gli agenti della Polizia Stradale, quelli della Polizia Municipale di Atena Lucana. Quindi sono giunti il sindaco e il vicesindaco di Atena Lucana, Luigi Vertucci e Francesco Manzolillo. La S.S.598 è rimasta interdetta al traffico per il tempo necessario a eseguire i rilievi e liberare il manto stradale. Le due vittime sono all’obitorio dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla a disposizione della procura di Lagonegro, che dovrà decidere se effettuare l’autopsia o restituire le salme alle rispettive famiglie.