CONDIVIDI
legionella
(Websource)

Allarme legionella a Bresso, due morti e 17 contagiati: è emergenza. 

Adesso la situazione è davvero preoccupante. Stiamo parlando dell’emergenza legionella che è scattata a Bresso in provincia di Milano. Al momento sono 17 i casi accertati di contagio e purtroppo ci sono già due morti. Si tratta di una donna ed un uomo entrambi di 94 anni. La signora era morta lunedì mentre l’uomo è morto poche ore fa sempre a causa delle complicazioni dovuto alla contrazione del batterio.

L’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera spiega che è stata creata una task force e aggiunge: “Regione Lombardia, tramite il dipartimento di Igiene e prevenzione sanitaria dell’Ats Milano, ha immediatamente attivato gli approfondimenti in relazione alle possibili fonti di contagio attraverso l’analisi, tuttora in corso per le ultime segnalazioni, degli ambienti frequentati dai pazienti nel periodo di incubazione della malattia, compreso tra i 2 e i 10 giorni antecedenti l’inizio dei sintomi. Oggi c’è una situazione critica, un’epidemia di legionella, 17 persone colpite e due morti. Bisogna Pulire i filtri dei rubinetti, lasciare scorrere l’acqua e aprire le finestre quando si fa una doccia calda e pulire molto bene i bacini d’acqua stagnante, perché la legionella non si trasmette bevendo l’acqua o con il contatto personale, ma per inalazione”.

Che cos’è la legionella?

La legionella è un batterio che vive nell’acqua, tra i 25 e i 55 gradi e si trasmette per inalazione tramite le goccioline di vapore, quelle che tipicamente si formano dopo aver fatto una doccia calda. Se si contrae il batterio ci si ammala di legionellosi, una grave infezione polmonare. I sintomi classici sono febbre, brividi, tosse secca o grassa. Talvolta anche dolori muscolari, mal di testa, stanchezza, perdita di appetito e, occasionalmente, diarrea.