CONDIVIDI
Iuschra
Iuschra

Seconda notte nel bosco per la piccola Luschro, la dodicenne autistisca scomparsa durante una gita con l’associazione Fobap. I ricercatori continuano senza sosta a scandagliare il bosco e si fanno forza a vicenda.

La seconda notte di ricerche è stata complicata ulteriormente da una pioggia battente che si è unità alla già scarsa visibilità. La squadra di ricercatori che è sulle tracce di Iuschra, la dodicenne autistica scomparsa ormai 2 giorni fa, non si da per vinta e continua a scandagliare una zona di bosco fitto dove per 50 chilometri ci sono grotte, buche, burroni e crepaci in cui la bambina potrebbe essersi nascosta o caduta. Insieme a loro c’è il padre della piccola Midliton Gazi che all’esercito di volontari, forze dell’ordine e Vigili del Fuoco ha già detto più volte: “Ringrazio tutti, state facendo una cosa incredibile, tenete viva la speranza”.

Leggi anche -> Serle, corsa contro il tempo per trovare Iuschra: ancora 48 ore

Leggi anche -> Serle, il racconto dell’ultima persona ad aver visto Iuschra

Dodicenne scomparsa nel bosco: il tempo e la mancanza di acqua i maggiori pericoli

I ricercatori non si danno per vinti, si ripetono che stanno andando alla ricerca di una persona ancora in vita per darsi forza, per credere ancora nel miracolo. Sono passate quasi 48 ore da quando Iuschra si è allontanata nel bosco nei pressi dell’altopiano di Cariadeghe (poco sopra Serle) ne bastano 72 (un altro giorno) per morire per mancanza d’acqua, un problema da non sottovalutare: sul monte San Bartolomeo, infatti, non ci sono fiumi, ruscelli o piccoli corsi d’acqua potabile, ma solo stagni con acqua putrescente. Proprio per questo motivo i soccorritori lasciano alle proprie spalle bottigliette d’acqua nella speranza che la bambina le prenda una volta trovate. Le prossime 24-26 ore sono dunque vitali affinché la ricerca sia fruttuosa, la speranza è che Iuschra possa essere ritrovata sana e salva come i bambini thailandesi nella grotta, quindi tornare dai genitori.

Leggi anche -> Brescia, ricerche con droni ed elicotteri tutta la notte: Iuschra non si trova