CONDIVIDI
(Web)

Pasquale Carlino, baby calciatore di Gragnano rimasto coinvolto in un incidente stradale, è stato trasferito in una clinica specializzata al Nord Italia.

L’Italia continua a tenere il fiato sospeso per le condizioni di salute di Pasquale Carlino, baby calciatore di proprietà dell’Inter, di soli 17 anni, rimasto coinvolto in un terribile incidente stradale. Il ragazzo è di Gragnano, nel napoletano, ricoverato presso l’ospedale Umberto I di Nocera.

Pasquale Carlino, le condizioni

Gravi le sue condizioni, avendo riportato un trauma cranico, uno schiacciamento delle vertebre a livello polmonare e un trauma facciale dopo lo scontro subito. Ormai da quattro giorni è sedato, mentre questa mattina i medici lo hanno sottoposto a una Tac e a una risonanza magnetica, al fine di comprendere l’entità dei danni.

Nella giornata di ieri però una notizia positiva per la famiglia. Pasquale Carlino ha iniziato a rispondere alle terapie, dando speranza all’Italia intera, che intanto lancia messaggi d’affetto, dalle persone comuni e dai club di serie A, che si sentono pienamente coinvolti in questa triste vicenda. I medici sono pronti a dare il via al trasferimento, che potrà avvenire soltanto dopo aver compreso perfettamente tutti i danni riportati e le relative entità. L’arrivo al Nord Italia, in un centro specializzato, che darà al giovane maggiori chance di sopravvivenza, avverrà con un elicottero.

Poco fa il tweet di Vincenzo Raiola: “Per evitare il solito sciacallaggio mediatico, sono l’unica persona incaricata dalla famiglia del giovane Carlino Pasquale a fornire notizie sulla sue condizioni. Attualmente il ragazzo si trova in terapia intensiva ed ogni giorno ci sono piccoli miglioramenti”.

Pasquale Carlino, le dinamiche dell’incidente

Il promettente centrocampista dell’Inter, che segue da vicino questa assurda vicenda, si trovava a bordo di un ciclomotore, tragicamente schiantatosi contro un’auto parcheggiata in strada, presso Santa Maria la Carità. Alla guida non c’era Pasquale Carlino, bensì un suo amico. Si tratta di Giuseppe Longobardi, di 18 anni, ricoverato presso l’ospedale Cardarelli di Napoli. Le sue condizioni sono però decisamente meno gravi e per lui non c’è pericolo di vita. Una volta ripresosi, dovrà affrontare un procedimento legale. È stato infatti denunciato perché non abilitato a condurre una moto di tale cilindrata o a trasportare altri passeggeri con sé.