CONDIVIDI
(Instagram)

In spiaggia una bagnante è stata impalata da un ombrellone che si è alzato in volo a causa delle forti raffiche di vento. La donna è rimasta ferita all’altezza della caviglia sinistra. 

Una donna, che si trovava sulla spiaggia statunitense di Seaside Heights, in New Jersey, è stata impalata da un ombrellone che si è alzato con il vento. La donna, che è rimasta ferita dalla punta dell’ombrellone è una turista inglese di nome Margaret Reynolds ed i primi soccorsi le sono arrivati dai bagnanti che si trovavano vicini. Il difficoltoso trasporto in ambulanza è stato possibile dopo aver utilizzato delle cesoie, necessarie per tagliare l’asta che aveva brutalmente infilzato la donna. L’accaduto è stato riferito su Instagram da un bagnante che ha raccontato il terribile episodio: “Poteva succedere a chiunque, me compreso”.

Leggi anche —> Roberta si tuffa all’Elba e muore in spiaggia davanti agli amici

L’ombrellone infilza una donna, il commento da Instagram: “nei giorni così burrascosi dovrebbero vietare l’apertura degli ombrelloni”

Il terribile infortunio che ha coinvolto Margaret Reynolds, turista inglese in visita negli Stati Uniti, ha lasciato la donna in una condizione di difficoltà estrema ma i suoi ‘vicini di ombrellone’, come è stato riferito, si sono subito precipitati a soccorrerla. La turista è rimasta infilzata dall’ombrellone all’altezza della caviglia sinistra ma, come riferito dall’utente Instagram che ne ha riportato la notizia, sarebbe potuto accadere a chiunque: “C’era tantissimo vento e un ombrellone portato via ha infilzato una donna a pochi metri da me. Poteva succedere a chiunque, me compreso: nei giorni così burrascosi dovrebbero vietare l’apertura degli ombrelloni”.

Leggi anche —> Castello gonfiabile in spiaggi esplode: bimba scaraventata in aria e muore

Riguardo la persona che ha aperto l’ombrellone in spiaggia nonostante le condizioni climatiche fossero avverse non si ha ancora notizia ma la responsabilità civile del fatto, dopo accurate verifiche, ricadrà giuridicamente sul bagnante della zona che non ha saputo gestire il prendisole con le dovute precauzioni.

Marta Colanera