CONDIVIDI
Francia, la festa mondiale trasformatasi in guerriglia: cosa è successo
(Web)

In Francia la festa per la vittoria del mondiale si è trasformata in una guerriglia tra facinorosi e poliziotti, ecco cosa è successo.

La vittoria di un mondiale dovrebbe essere un’occasione di giubilo in cui tutti i cittadini per una notte dimenticano paranoie, frustrazioni e rabbia e riscoprono i valori di fratellanza e comunione. Così è stato nell’ormai lontano 2006 in Italia, dove il gesto simbolo della conflittualità stradale quotidiana (il clacson) veniva utilizzato non per maledire qualcuno ma per salutare con giubilo l’estraneo che come te viveva un sogno ad occhi aperti. Lo stesso sarebbe dovuto succedere in Francia, ma la festa è stata rovinata da un gruppo di “casseur” (delinquenti) decisi a sfruttare la confusione dei festeggiamenti per creare disordine e portare a casa qualche oggetto rubato.

Francia, festa mondiale rovinata: disordini a Parigi, Lione, Rouen, Marsiglia e Mentone, un morto ad Annecy

Il caos è cominciato nella capitale, proprio su quegli Champs-Élysées dove gli altri francesi stavano festeggiando i propri beniamini. I facinorosi erano mischiati alla folla e proprio nel momento di maggior confusione hanno cominciato a lanciare pietre contro le vetrine dei negozi. Immediata la reazione della polizia che ha cominciato a lanciare contro la folla dei lacrimogeni nella speranza di farla disperdere prima di intervenire contro i colpevoli. Gli scontri sono durati tutta la notte con un bilancio di 15 negozi distrutti e l’arresto di 90 persone. Gli scontri tra gendarmi e civili sono stati riscontrati anche in altre città francesi come Lione, Rouen, Marsiglia e Mentone anche se in queste città si è trattato di disordini più contenuti. La polizia francese era però preparata a questo e proprio per prevenire maggiori danni erano stati schierato 110.000 poliziotti. La tragedia si è verificata ad Annecy, dove un uomo di 50 anni per festeggiare la vittoria dei “Blue” si è gettato nel fiume ed è morto a causa di un colpo alla nuca probabilmente ricevuto accidentalmente dopo il tuffo nel fiume.