CONDIVIDI
Sara Francesca Basso
Sara Francesca Basso

Sperlonga, così è morta Sara Francesca Basso: emerge la verità sul suo decesso, i risultati dell’autopsia e le indagini sull’accaduto.

Si delinea il quadro della tragica morte di Sara Francesca Basso, la 13enne in vacanza con la madre a Sperlonga, trascinata sul fondo della piscina dal risucchio di uno dei bocchettoni di aspirazione dell’acqua. Una morte tanto violenta la sua, per la quale ci sono ora quattro indagati. In queste ore, su quanto accaduto, continuano ad emergere particolari scioccanti.

Leggi anche –> Sperlonga, come è morta veramente Sara e i tentativi di salvarla

I primi risultati dell’autopsia su Sara Francesco Basso

In base ai primi risultati dell’autopsia effettuata stamattina all’Istituto di Medicina legale del Policlinico Tor Vergata a Roma, si apprende che Sara Francesca Basso è morta di annegamento e non ha accusato alcun malore. Bisognerà ora attendere i risultati degli esami istologici che saranno pronti a giorni, ma è chiaro che se si delineasse un quadro del genere le responsabilità di chi doveva tutelare la vita della ragazzina sarebbero più gravi.

I quattro indagati sono il proprietario dell’hotel a quattro stelle, l’amministratore delegato, il costruttore della piscina e un responsabile della manutenzione. Per tutti l’accusa è di omicidio colposo. Intanto, la piscina dell’hotel e i locali tecnici dove si trovano le pompe sono state messe sotto sequestro subito dopo l’accaduto. Anche questo servirà per avere un quadro più chiaro delle responsabilità.

Leggi anche –> 13enne morta in piscina, il rimorso del turista: “Abbiamo provato di tutto”

Incidente in piscina a Sperlonga: le indagini proseguono

Sara Francesca Basso era originaria di un paesino in provincia di Frosinone, Morolo, dove hanno appreso con sconcerto la notizia del suo decesso. La ragazzina era stata trasportata al Policlinico Gemelli di Roma, appena avvenuto l’incidente. Vani tutti i tentativi di salvarle la vita: alle 4 della notte tra mercoledì e giovedì ne è stato comunicato il decesso.

La costernazione è grande e tanti si chiedono soprattutto come sia stato possibile che un bocchettone di una tranquilla piscina di un tranquillo hotel di una tranquilla località turistica si sia trasformato in un killer spietato. Domande a cui dovranno rispondere ora le indagini in corso.

Leggi anche –> Sara Francesca Basso, sgomento per la ragazza annegata a Sperlonga