CONDIVIDI
Gattuso
(Emilio Andreoli/Getty Images)

Gennaro Gattuso indagato per riciclaggio dalla Procura di Ivrea. 

L’allenatore del Milan Gennaro Gattuso risulta essere indagato insieme ad altre 42 persone nell’ambito di un’inchiesta condotta dai Carabinieri sotto la direzione della Procura di Ivrea. I reati per i quali è partita l’operazione sono quelli di trasferimento fraudolento di valori e riciclaggio di proventi illeciti. Gattuso è stato coinvolto in quanto socio al 35%, dall’1 novembre 2011 al 19 dicembre 2013, di una società poi in seguito fallita che si occupava dell’allevamento di suini. L’avviso di garanzia che ha raggiunto Gattuso riguarda il  trasferimento fraudolento di valori. Nell’ambito dell’inchiesta è stato arrestato l’imprenditore Pasquale Motta, 45 anni, residente a Pino Torinese (Torino). Altre 8 persone hanno invece ricevuto  l’obbligo di dimora nei rispettivi comuni di residenza.

La reazione di Gennaro Gattuso

In una nota ufficiale il Campione del Mondo si difende così: “Il documento ricevuto dalla procura di Ivrea è un atto dovuto per la sua posizione di ex socio di una società sulla quale si è attenzionata l’attività di indagine. L’indagine, ancora in corso, verte su un soggetto che solo indirettamente risulta essere collegato a quella società, dalla quale il Sig. Gattuso era uscito dopo un breve periodo. Il Sig. Gattuso in suddetta società non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo, possedendo esclusivamente una quota del capitale sociale”.