CONDIVIDI
Chicco, lo spot pro natalità scatena le polemiche - VIDEO
(Screenshot video)

Il nuovo spot della Chicco condivide un messaggio pro natalità che ha scatenato una bufera di polemiche.

La Chicco, nota azienda italiana che si occupa di vestiario ed oggettistica per neonati e bambini, ha rilasciato da qualche giorno un un nuovo spot televisivo in cui incita all’incremento della natalità. La pubblicità mette insieme i dati Istat che dimostrano come alla vittoria di un mondiale di calcio da parte dell’Italia sia corrisposto un boom anagrafico. Toccando le corde del senso di appartenenza alla nazione, attraverso il calcio, e giocando sull’esclusione dal mondiale utilizzandola come parallelo alla crescita demografica in negativo di questi anni, nello spot un narratore invita gli italiani a creare un nuovo “Baby boom” affinché l’Italia possa tornare grande e le nuove generazioni possano contribuire ad un ritorno a grandi livelli nel calcio, ma anche in tutti gli altri settori.

Lo spot pro natalità Chicco genera polemiche

L’azienda è sicuramente riuscita ad attirare l’attenzione del pubblico grazie alla metafora calcistica ed ad una serie di immagini e parole azzeccate che mettono nel calderone fede calcistica, amore ed orgoglio nazionale. Ciò nonostante le polemiche non sono state poche, in molti hanno trovato l’eccessiva attenzione all’orgoglio nazionale come un richiamo all’epoca ed ai valori fascisti, ma probabilmente l’intenzione della compagnia è stata totalmente travisata. La crescita zero a livello demografico della nazione è un problema reale che riguarda tutti, inoltre l’intento dello spot è chiaramente ironico e non è certo per orgoglio patrio che un’azienda che lavora con il vestiario dei bambini invita gli italiani a fare figli, ma semplicemente perché con più nascite vedrebbe un incremento dei profitti. Chi ha compreso invece l’ironia di fondo della pubblicità ha apprezzato il breve spot ritenendolo geniale ed azzeccato. L’Italia insomma è divisa anche sullo spot della Chicco, il che la dice lunga sulla vis polemica degli italiani.