CONDIVIDI
Agim Miftarov
(foto Carabinieri)

Terrorismo internazionale: arrestato in provincia di Potenza Agim Miftarov, un 29enne macedone, che preparava attentati con droni.

Un 29enne macedone residente in provincia di Potenza è stato arrestato dai carabinieri del Ros. L’uomo è accusato di addestramento ad attività con finalità di terrorismo internazionale. Dalla perquisizione è emersa la presenza in casa di alcuni droni. Inoltre sul cellulare aveva sia video di propaganda jihadista e tracce di ricerche su tecniche di autoaddestramento, come ad esempio quelle riguardanti l’uso di droni armati e pistole taser artigianali.

Leggi anche –> Terrorismo, arrestato a Napoli un gambiano affiliato all’Isis

Il materiale sequestrato al macedone arrestato

La persona arrestata, Agim Miftarov, era ospite del Centro di permanenza per il rimpatrio a Palazzo San Gervasio (Potenza). Qui si trovava dallo scorso 27 aprile, dopo essere stato sottoposto a una perquisizione nell’ambito dello stesso procedimento penale. Si tratta di un’indagine che va avanti addirittura dal 2009 e che il Ros conduce con l’obiettivo di identificare profili social di soggetti a rischio di radicalizzazione in chiave jihadista. Vengono in particolare ricercati contenuti di materiale di propaganda riconducibile ad organizzazioni terroristiche di matrice confessionale, come appunto il Daesh.

In tutto, secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo aveva accumulato circa 900 video di autoaddestramento, inoltre sul suo profilo pubblicava foto di terroristi armati. Grande il suo interesse nei confronti di armi, in particolare quelle da guerra e quelle bianche. Il 27 aprile nella sua abitazione, sono stati rinvenuti aeromobili a pilotaggio remoto, abbigliamento militare e smartphone. Sembra palese la sua intenzione di lasciare il territorio italiano. Questo dovrebbe voler dire che l’uomo intendeva trasferirsi in aree di crisi, come la Siria, per compiere attentati e altre azioni di stampo terroristico in quel territorio.

Leggi anche –> Allarme Terrorismo in Italia: arrestato un presunto kamikaze a Napoli, progettava un attentato

Chi è Agim Miftarov, il macedone arrestato

Agim Miftarov, da quanto emerso, viveva da eremita e aveva un vero e proprio terrore nei confronti delle forze dell’ordine. Prima di essere bloccato a fine aprile, viveva in un appartamento a Tolfa, in provincia di Viterbo, e in base a quanto ricostruito dalle forze dell’ordine svolgeva attività di boscaiolo. Non aveva vita sociale, praticamente era quasi invisibile e temeva possibili perquisizioni da parte dei carabinieri. Sembra addirittura che dopo essersi ferito con un’ascia abbia evitato di farsi visitare al Pronto Soccorso.

Le indagini hanno poi portato a scoprire che il 29enne avrebbe cercato di acquistare armi via internet e sui suoi profili social erano presenti dei selfie con la bandiera nera dell’Isis. Inoltre, aveva circa 4mila contatti su Facebook, in gran parte legati all’integralismo islamico.

Leggi anche –> Terrorismo, espulso marocchino: voleva fare un attentato in Italia