CONDIVIDI

Cristina Cattafesta è stata rilasciata ed è ripartita per l’Italia: lo ha reso noto la Farnesina, che “accoglie con grande soddisfazione la notizia”

Cristina Cattafesta, attivista di 62 anni, era stata fermata dalle autorità turche circa dieci giorni fa. La donna era insieme ad una delegazione del Cisda (Coordinamento italiano di sostegno alle donne afghane). Era in territorio turco come osservatrice internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari. Oggi arriva finalmente la notizia che tutti attendevano. Cristina Cattafesta è stata rilasciata ed è ripartita per l’Italia: lo ha reso noto la Farnesina, che “accoglie con grande soddisfazione la notizia”. ” Il positivo esito della vicenda è stato possibile anche grazie al personale interessamento del Ministro Enzo Moavero Milanesi. I familiari di Cristina Caffafesta avevano fatto appello per un suo intervento e grazie anche all’incisiva azione di sensibilizzazione svolta a livello locale dalla nostra Ambasciata ad Ankara, in stretto raccordo con la Farnesina”.

Cristina Cattafesta, gli appelli dei familiari e del comune di Milano

Pochi giorni fa la sua famiglia aveva espresso grave preoccupazione per quello che stava succedendo, anche perché Cattafesta soffre di problemi di salute e ha la necessità di fare controlli e di sottoporsi a cure adeguate. “Non abbiamo informazioni certe sul suo rientro, né la possibilità di metterci in contatto con lei” avevano detto le sorelle Silvia e Carlotta. Sono stati numerosi gli appelli per la liberazione di Cattafesta. “Cattafesta è residente a Milano, per questo ci siamo mobilitati con grande convinzione – aveva spiegato il consigliere a Palazzo Marino, Basilio Rizzo, col quale Cattafesta si era candidata alle amministrative del 2016 – la vicenda è molto delicata, sappiamo che la Farnesina si sta impegnando attraverso le vie diplomatiche. Conosco Cristina da una vita, è sempre stata una militante seria, impegnata nel sociale. La stimo molto”.