CONDIVIDI

Adrian

Canale 5 annuncia Adrian, la graphic novel di Adriano Celentano, con un teaser andato in onda prima della partita Uruguay-Francia

VIDEO NEWSLETTER

Adriano Celentano torna in pista, e lo fa in grande stile. Una graphic novel, già definita “rivoluzionaria”, creata da lui e con se stesso come protagonista. Si chiamerà Adrian e andrà in onda su Canale 5 la prossima primavera. Lo ha annunciato la stessa rete Mediaset con un teaser andato in onda durante il picco di ascolto, e cioè subito prima della diretta di Uruguay-Francia, gara dei quarti di finale dei Mondiali di Russia. Canale 5 presenta Adrian in pompa magna, anche perché il progetto è nato dall’idea di Adriano Celentano con la fattiva collaborazione proprio della rete. Sullo schermo scorrono le immagini del fumetto ambientato in una metropoli, con protagonista Celentano, con la sua inconfondibile voce che recita: “Non è con la violenza che si mettono a posto le cose del mondo”. E poi: “Finché mi cercano vuol dire che non mi hanno trovato”. Un teaser sicuramente di impatto, che annuncia qualcosa che da qui al prossimo anno creerà davvero grande attesa.

Adrian, le parole di Piersilvio Berlusconi: “Sorprendente, mai visto prima”

La creazione e la realizzazione di Adrian, la graphic novel di Adriano Celentano, è stata accolta con grande entusiasmo dall’amministratore delegato e vicepresidente di Mediaset, vicepresidente Pier Silvio Berlusconi, che aveva già anticipato la programmazione per la prossima primavera, presumibilmente ad inizio 2019. Berlusconi Jr. aveva definito il progetto “sorprendente”. Così aveva spiegato Pier Silvio Berlusconi i rallentamenti nella realizzazione di un’opera annunciata già da tempo: “Adrian ci sarà, ma Celentano è Celentano e questo per lui è il progetto di una vita, lo aspetteremo tutto il tempo necessario. Ho visto alcune puntate del cartone ed è sorprendente, ha una qualità davvero unica. Siamo stati noi a chiedere di non mandarlo in onda in autunno, ma la prossima primavera, per evitare di spezzarlo per trasmetterlo tutto in una stagione”.