CONDIVIDI
Legnano: fumo invade i vagoni, passeggeri costretti a scendere dal treno
(Web)

Questa mattina a Legnano i passeggeri del treno regionale che copre la tratta Domodossola-Milano sono stati costretti a scendere quando un intenso fumo nero ha invaso i vagoni.

Il viaggio tra Domodossola e Milano sul interregionale Trenord stava proseguendo come di consueto quando, improvvisamente, un guasto ha costretto il treno ad una pausa forzata tra Busto Arsizio e Legnano. Erano le 8:30 del mattino quando i passeggeri, spaventati dal copioso fumo che era entrato nei vagoni, hanno deciso di abbandonare il treno e continuare a piedi il breve tragitto tra il treno e la vicina stazione di Legnano. L’improvviso guasto del treno ha portato notevoli disagi alla circolazione con ritardi di 90 minuti su tutte le corse previste sulla linea ferroviaria che passa da Legnano.

Legnano: guasto treno e ritardi

Secondo quanto condiviso dai media locali il treno diretto a Milano e proveniente da Domodossola avrebbe accusato un guasto intorno alle 8:00 di questa mattina quando era quasi giunto alla stazione di Legnano. Per mezz’ora i passeggeri hanno atteso pazientemente che venisse risolto il disguido, ma quando una colonna di fumo ha invaso i vagoni hanno deciso di percorrere a piedi il tragitto che li separava dalla stazione lombarda. Questa decisione ha causato un blocco totale della circolazione che è durata circa un’ora.

A causare i disagi di stamane pare che sia stato un guasto alla linea d’alimentazione elettrica di competenza della Rfi che ha coinvolto (per causa ancora da accertare) solo i binari dispari. Il successivo blocco alla circolazione ha causato ritardi pari a 90 minuti con alterazioni di percorso e cancellazioni di viaggi sulle linee Domodossola-Gallarate-Milano, Porto Ceresio-Varese-Gallarate-Milano e Treviglio-Milano-Varese. Una volta liberata la stazione di Legnano il traffico ferroviario è ripreso su un solo binario e i disagi dei pendolari sono stati in parte compensati con la variazione dei tragitti tradizionali.