CONDIVIDI

Investita e uccisa da un pirata della strada. La 24 enne Emma Galton è morta così, ora è caccia in tutto il territorio per scovare il pirata

Emma Galton, 24 anni, da Sale, Greater Manchester, stava attraversando Chester Road quando è stata investita da una Ford Mondeo colore argento. I servizi di emergenza sono accorsi sul posto verso le 21.25 di giovedì, ma è stata dichiarata morta sul posto. Sono in corso le indagini per rintracciare il conducente della Ford Mondeo colore argento che è fuggito dalla scena immediatamente dopo la collisione. Secondo le ultime informazioni è stata arrestata una 28enne che avrebbe coperto e avallato la fuga dell’assassino. Rendendo omaggio a Emma, ​​i suoi genitori hanno detto: “Siamo completamente devastati della morte prematura della nostra figlia maggiore Emma. Sappiamo che lei è in pace ora in cielo con il Signore Gesù. Vorremmo cogliere l’occasione per esprimere un sentito ringraziamento a tutti coloro che sono stati coinvolti nelle indagini e a tutti coloro che hanno aiutato nostro figlio a tornare dalle sue vacanze in modo da poter stare con noi in questo momento di grande dolore.”

Donna investita, le indagini della polizia

I genitori di Emma hanno reso omaggio alla loro amata figlia. Il sergente Danny Byrne della Serious Collision Investigation Unit di GMP ha dichiarato: “Sono in corso indagini per rintracciare il conducente dell’auto. Abbiamo trovato un modello di vettura che corrispondeva alla descrizione che ci era stata data e che ora ha confermato che si trattava della macchina coinvolta nella collisione. Abbiamo arrestato una donna con l’accusa di favoreggiamento, ora è sotto custodia della polizia per essere interrogata. “Vorrei rivolgermi direttamente alla persona che investito Emma e chiedergli di venire a parlare con la polizia, sai chi sei, sai cosa è successo, dovresti fare la cosa giusta ora. Non ci fermeremo finché non ti troveremo. I miei pensieri continuano ad essere con la famiglia della donna. Non riesco a immaginare cosa stiano vivendo i suoi cari.”