CONDIVIDI
balotelli
Mario Balotelli non si presenta al raduno del Nizza, è rottura? FOTO: Instagram @mb459

Balotelli al Nizza è un caso: il giocatore ha saltato il raduno della squadra francese. L’allenatore Patrick Vieira: “Qui vogliamo solo gente motivata”.

Mario Balotelli ne ha combinata un’altra. Dopo due stagioni vissute con la maglia del Nizza e nelle quali non ci sono stati i suoi soliti ‘colpi di testa’, ecco che ora il carattere intemperante del 27enne attaccante torna a fare capolino. Il giocatore avrebbe dovuto presentarsi regolarmente al raduno del suo club, scattato oggi. Invece ‘Balo’ non si è fatto vedere. E come lui anche il compagno di squadra, Alassane Plea, ha ‘disertato’. La cosa non è affatto piaciuta a Patrick Vieira, nuovo allenatore della compagine rossonera.

“Il programma prevedeva la presenza di entrambi i giocatori. Adesso cercheremo di capire come mai non si sono presentati. Non corrisponde al vero il fatto che Balotelli mi abbia chiesto un supplemento di vacanze. Avrebbe dovuto presentarsi ma non è stato così”. L’ex centrocampista di Milan ed Arsenal, che ha assunto la guida tecnica del Nizza nelle scorse settimane, ha rilasciato queste parole in conferenza stampa, nella quale non è apparso affatto di buon umore. Vieira tra l’altro ha giocato con lo stesso Balotelli all’Inter tra il 2007 ed il 2010.

Balotelli, l’agente: “Mario è ancora in vacanza”

Ma Mino Raiola, procuratore del giocatore, ha risposto facendo sapere che invece Balotelli si troverebbe ancora in vacanza, avendo disputato degli incontri con la Nazionale a giugno. Inoltre Super Mario avrebbe accusato anche un ritardo causato da alcuni disguidi con gli aerei, dal momento che si troverebbe al di fuori dell’Europa. Vieira ad ogni modo si domanda quali siano le reali motivazioni del suo giocatore, che più volte nelle scorse settimane aveva fatto presagire un suo addio al Nizza. “Io qui voglio solo elementi motivati”. Balotelli sarebbe seguito dal Marsiglia, ma anche qualche club italiano di prima fascia potrebbe cercare di arrivare a lui, dato il contratto in scadenza tra un anno. Tra l’altro due settimane fa il giocatore era finito nel mirino dei militanti di Forza Nuova, che lo avevano contestato con un censurabile striscione.