CONDIVIDI

 

A Gorleston – Norfolk, Inghilterra – una bambina che giocava in spiaggia su di un castello gonfiabile è morta dopo essere stata scaraventata in aria dalla sua esplosione improvvisa.

Quella che sarebbe dovuta essere una gioiosa giornata in spiaggia per una bambina di Norfolk, si è trasfomata in un’inimmaginabile tragedia quando, mentre stava giocando serena su di un castello gonfiabile, l’inattesa esplosione del gioco l’ha fatta volare in aria per portarla, poi, a ricadere senza protezioni.

L’esplosione ha, infatti, provocato un forte sbalzo in alto scaraventando la bambina violentemente al di fuori del gonfiabile. I soccorsi sono arrivati prontamente sul posto ma, purtroppo, la piccola non è riuscita a sopravvivere alle gravi lesioni riportate nell’impatto.

Leggi anche —> Bimbo di 3 anni muore chiuso nella lavatrice: stava giocando a nascondino

La responsabilità del malfunzionamento e le indagini in corso

La tragedia e le dinamiche che l’hanno portata a compiersi sono al vaglio degli inquirenti e l’inchiesta congiunta tra le autorità locali e l’Health and Safety Executive si sta svolgendo, in queste ore, dopo aver isolato l’intera area coinvolta. Le testimonianze di chi si trovava nel luogo del tragico evento ipotizzano che lo scoppio sia avvenuto a causa delle temperature troppo elevate ma i rilevamenti sulla zona transennata non hanno dato ancora certezza ad alcuna congettura. I rilevamenti riveleranno presto se ci siano responsabilità colpose che hanno portato alla morte la piccola bambina inglese o se si sia trattato semplicemente di un incidente dovuto al caso.

Il Regno Unito, comunque, aveva già perso recentemente un’altra giovane vita sui giochi per bambini, ossia quella di Blake Graves, di Crook – nella contea di Durham-, che salito su un di uno scivolo era rimasto incastrato con la maglia alla giostra. Una semplice vite che sporgeva dallo scivolo, e di cui nessuno si era accorto, aveva portato il piccolo Blake a morire soffocato proprio su di una giostra, che per un bambino dovrebbe essere, invece, il luogo più felice del mondo.

Marta Colanera