CONDIVIDI

Aereo EasyJet in ritardo di 13 ore, passeggero dà una testata allo steward. Dato il ritardo dell’Airbus A320 dell’EasyJet, un passeggero, in evidente stato di ubriachezza, ha dato una testata ad uno steward. Riaperta la questione della vendita di alcolici a bordo.

Aereo EasyJet in ritardo, passeggero dà una testata allo steward

Ha dato una testata ad uno steward mentre si trovava a bordo dell’Airbus A320 dell’EasyJet. Questo è avvenuto durante i momenti di vero panico che hanno pervaso un passeggero all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi. Ciò che è avvenuto e che ha fatto adirare non poco il passeggero, in evidente stato di ubriachezza, è che l’aereo è arrivato al gate in forte ritardo, e ciò ha suscitato in lui una reazione violenta, sedata solamente dall’arrivo delle forze dell’ordine.
Il decollo dell’aereo doveva avvenire venerdì 29 giugno alle 21.10 ma solo in nottata i passeggeri hanno ricevuto l’informazione che il volo era stato cancellato e della sua successiva riprogrammazione.
Poco prima della partenza dell’Airbus A320 dell’EasyJet, un gruppo di quattro persone erano state allontanate dall’aereo poiché il personale di sicurezza li aveva considerati troppo ubriachi.

Riaperta la questione della vendita di alcolici a bordo

Una volta tornata la calma a bordo un uomo si è improvvisamente scagliato contro uno steward e il velivolo è stato costretto a fermarsi ancora, accumulando ulteriore ritardo, partendo così solo alle 10.45 del giorno dopo.
“La polizia è stata chiamata per dare una mano agli assistenti di volo e portare via il viaggiatore violento. Non tolleriamo questo tipo di comportamento e faremo di tutto perché il caso finisca in tribunale”, ha dichiarato un portavoce della EasyJet.
Tale episodio riapre dunque la questione degli alcolici distribuiti a bordo. La Iata, associazione internazionale che raggruppa 80% delle compagnie aeree, fa sapere che l’abuso di alcol il problema più importante in volo: più di 3200 passeggeri nel 2016  sono stati segnalati perché ubriachi e di questi 450 allontanati e segnalati anche per violenza nei confronti di personale di bordo o di altri passeggeri, rispetto al 2015 vi è stato dunqueun incremento dell’11%.
Alcune compagnie aeree europee presentarono lo scorso anno un progetto per regolamentare la vendita di alcolici in volo e in aeroporto: “Non è giusto che gli scali guadagnino dalla vendita illimitata degli alcolici ai viaggiatori lasciando poi ai vettori il compito di gestirli quando sono ubriachi, questo diventa particolarmente problematico quando il volo è in ritardo, per questo chiediamo che non vengano serviti alcolici non solo la mattina, ma anche a chi ha il proprio collegamento in ritardo” , aveva ribadito Kenny Jacobs, il capo marketing di Ryaner.
BC