CONDIVIDI
selfie binari
(screenshot video)

Osimo, provincia di Ancona: selfie sui binari per riconquistare la fidanzata, una storia breve fatta di continui litigi e aggressioni, rischia l’arresto.

Non sopportava la fine della loro relazione, per cui ha iniziato a stalkerare la sua ex fidanzata. Protagonisti della vicenda due giovani dell’anconetano: lei, 24 anni di Osimo, lui 29enne di Castelfidardo. A quanto pare la loro non era stata una storia lunga: appena cinque mesi di rapporto, peraltro sembra burrascoso. Ma lui non si era dato per vinto.

Leggi anche –> Biella, picchia la moglie davanti ai figli: arrestato

Appostamenti, litigi e persecuzioni: le accuse al giovane

Così, ha iniziato a perseguitare la ex: prima gli appostamenti, poi le sceneggiate, fino all’ultima inquietante, in cui ha minacciato il suicidio. Tre almeno gli episodi finiti nel mirino degli inquirenti. Una volta in discoteca lui l’ha obbligata a uscire con la forza. In un’altra occasione, l’ha aggredita nel centro di Osimo solo perché lei aveva salutato un amico.

Quando alla fine la ragazza ha deciso di chiudere tutti i ponti, il 29enne è arrivato a compiere un gesto assurdo e pericoloso: ha iniziato a mandarle selfie in cui mimava l’atto del suicidio, sdraiato sulle rotaie. La ragazza, che aveva subito di tutto nel corso della loro breve relazione, dagli insulti agli spintoni, ha deciso che era ora di dire basta.

Leggi anche –> Uccisa dall’ex Federico Zini, parla la sorella di Elisa Amato

La denuncia della giovane dopo il selfie sui binari

Così ha preso coraggio e si è presentata dalla polizia per denunciare tutto. La 24enne si è infatti rivolta agli uomini del commissariato di Polizia osimano, diretti dal vicequestore Giuseppe Todaro. A loro ha raccontato gli abusi e mostrato i selfie del giovane, che a quanto pare avrebbe un lavoro e una vita apparentemente normale.

L’ammonimento per stalking del Questore è arrivato nelle scorse ore. Se il 29enne proseguirà nel suo atteggiamento rischia davvero grosso: potrebbe infatti scattare l’arresto immediato. Purtroppo nella provincia marchigiana non è il primo episodio del genere. Qualche tempo fa, una giovane ristoratrice del maceratese ha denunciato pubblicamente l’aggressione subita da un fidanzato violento, i cui segni erano ben visibili sul volto.