CONDIVIDI
Andrea Iannone
(Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Furto e Aggressione, Andrea Iannone denunciato finisce nei guai per aver aggredito un paparazzo durante una vacanza a Ibiza.

Il motociclista Andrea Iannone è finito nei guai, accusato di furto e aggressione da un paparazzo, che lo avrebbe seguito fino a Ibiza. La denuncia è partita da Salvatore Robino, che ha raccontato al settimanale ‘Chi’ quello che gli è accaduto.

Leggi anche –> Iannone mette le mani sul lato B di Belen Rodriguez a “c’è posta per te”

La presunta aggressione di Andrea Iannone al paparazzo

“Ero con un collega a seguire Belen e Andrea all’ingresso del locale Lio” – racconta il paparazzo – “Quando sono usciti ho iniziato a seguirli in moto. Dopo un po’ Andrea mi ha riconosciuto, i primi giorni ad Ibiza mi disse ‘scattami subito delle foto e poi lasciami in pace’. Così ho fatto, ma in questo caso c’era Belen e non potevo lasciarmeli scappare. Ha fermato la macchina davanti al Pacha, sono scesi lui e un suo amico”.

Prosegue il racconto di Salvatore Robino: “Io avevo le mani appoggiate al manubrio della moto per non farla cadere e Iannone mi ha stretto il collo, mi ha detto: ‘Ti ammazzo, la devi smettere’. Poi ha preso le chiavi della moto, attaccate c’erano quelle di casa. Mi ha rubato le chiavi. Per fortuna avevo una copia di quelle della moto, divido la casa con un altro inquilino che mi ha aperto”.

Leggi anche –> Belen e Iannone in vacanza alle Maldive: dediche d’amore e scatti bollenti

Il fotografo denuncia Andrea Iannone

Il fotografo, ovviamente, non resta con le mani in mano, ma decide di andare avanti. “Sono andato all’ospedale a farmi medicare; mi hanno fatto una lastra e mi hanno dato una prognosi di 7-10 giorni”, racconta ancora. Quindi “sono corso al commissariato a denunciare l’aggressione e il furto per andare a riprendere le chiavi. Non ho niente contro Iannone, ma la sua reazione è stata spropositata”.

Su quanto accaduto, al momento, bocche cucite dal pilota di motociclismo, che non ha rilasciato dichiarazioni in merito.