CONDIVIDI
tumore al cervello
Un tumore al cervello scoperto dopo un banale mal di testa, per questa donna inizia un incubo

Un banale mal di testa rivela in realtà un tremendo e letale tumore al cervello. Per questa donna comincia una faticosa lotta per la sopravvivenza.

Una donna ha scoperto di essere affetta da una aggressiva forma di cancro al cervello. E pensare che si è accorta di questa terribile cosa per puro caso. Tutto era nato con un semplice mal di testa. Almeno questo pensava di avere la 38enne Renae Cleary, australiana di Perth. Le emicranie però si erano fatte più persistenti nel corso del tempo. Ma siccome altri suoi parenti avevano gli stessi sintomi, Renae non ha mai dato peso alla cosa. Fino a quando, dopo un’ultima visita, la 38enne ha scelto di dare seguito al consiglio di un dottore di ricorrere ad una risonanza magnetica. Qui poi è emersa la tremenda diagnosi. Nella testa di Renae c’era un cancro dell’estensione di 2 cm e i medici le hanno dato 24 ore di vita. Subito è partito l’iter d’urgenza previsto in questi casi.

Tumore al cervello, Renae è ancora incredula

Renae è stata tenuta sotto osservazione, il suo cancro è finito sotto la lente d’osservazione e dopo un mese circa dalla inattesa quanto terribile scoperta, è stato poi possibile effettuare un delicato intervento chirurgico. L’operazione per fortuna ha avuto un esito positivo. La malattia è stata debellata, e si è scoperto che a scatenarla era stato un melanoma della pelle. Cosa confermata anche dagli esami istologici. Renae non ha potuto credere a quanto vissuto. E soprattutto ancora oggi stenta a credere alla causa del tumore. “Mi faccio controllare la pelle con regolarità. Presto sempre molta attenzione e pongo il benessere della mia salute prima di ogni cosa. Mai avevo notato qualcosa che non andasse”.

Le cure costano troppo

Purtroppo appena cinque giorni dopo c’è stata una importante ricaduta. Renae ha subito la fuoriuscita di liquido spinale e si è reso necessario procedere con un nuovo ricovero d’urgenza. Hanno fatto seguito quindi altri giorni in ospedale, con dei forti dolori e l’immobilità più assoluta a tormentare la 38enne. Che per pagare le costosissime spese mediche ha dovuto anche vendere casa e lasciare gli studi. Ora Renae spera nella generosità delle persone. Ha istituito una raccolta di fondi online per pagare le varie parcelle e potersi permettere altre cure.