CONDIVIDI
Luigi Di Maio su Facebook: "Aboliremo le pensioni d'oro"
(Photo by Franco Origlia/Getty Images)

Il vice premier Luigi Di Maio ha ribadito che il governo punta a tagliare le pensioni d’oro.

Uno dei primi obbiettivi del governo targato M5S-Lega è quello di attuare una riforma al sistema pensionistico. Con la quota 100 si punta a cambiare radicalmente la Legge Fornero per permettere ai cittadini italiani di andare in pensione con un massimo di 41 anni di contributi, possibilità che permetterebbe ad alcuni di smettere di lavorare prima dei 60 anni. L’altro grande passo in questa direzione è quello legato al taglio delle così dette “Pensioni d’oro” che prevedono un assegno mensile di 4000 o 5000 euro. A ribadire l’impegno ad una distribuzione più equa delle quote pensionistiche ci ha pensato il vice premier Luigi Di Maio che, attraverso il suo profilo Facebook, ha detto ai follower che verranno tagliate le pensioni eccessivamente alte.

Forse vi interessa anche -> Pensioni più basse per chi si ritira dal lavoro nel 2019

Forse vi interessa anche -> Pensioni 2018: quota 41 e quota 100, come cambia la Fornero

Luigi Di Maio, pensioni d’oro: “Il taglio servirà ad aumentare le pensioni minime”

Con un proclama sul proprio profilo Facebook, Di Maio spiega ai suoi follower che presto verranno abolite le pensioni d’oro: “Vogliamo finalmente abolire le pensioni d’oro che per legge avranno un tetto di 4.000/5.000 euro per tutti quelli che non hanno versato una quota di contributi che dia diritto a un importo così alto. E cambiano le cose in meglio anche per chi prende la pensione minima, perché grazie al miliardo che risparmieremo potremo aumentare le pensioni minime”.

Il vice premier spiega anche che il taglio non riguarderà chi si è meritato simili pensioni versando contributi regolari, ma solo chi queste cifre le raggiunge senza aver faticato per averle. Nel dirlo Di Maio, spiega la motivazione di questa scelta definendo le pensioni massime troppo alte: “Uno sfregio a quei tre milioni di italiani che non hanno neppure i soldi per fare la spesa, perché sono stati abbandonati dalle istituzioni”. Le tempistiche del provvedimento saranno molto brevi, entro fine estate il taglio dovrebbe essere già approvato: “Quest’estate non ci sono i mondiali, ma presto avremo qualcosa da festeggiare: la fine delle pensioni d’oro e l’inizio di un’Italia più giusta”.

Forse vi interessa anche -> Pensioni 2018, andare in pensione con soli 15 anni di contributi? ecco i requisiti