CONDIVIDI
Bimba disabile di 5 anni vittima di bullismo a scuola
(Websource)

Mamma infuriata denuncia atti di bullismo a scuola ai danni della figlia disabile di 5 anni.

Samantha Flemming (34 anni), mamma inglese di Chaddesden, nel Derbyshire, ha denunciato al quotidiano locale ‘Derbyshire Live‘ gli atti di bullismo ripetuti ai danni della figlia Melissa, bambina di 5 anni affetta da una malformazione al cranio che non ha permesso il corretto sviluppo del cervello. La rara condizione genetica della piccola (una forma di microcefalia) causa anche una lenta ricrescita dei capelli, un disagio che è stato acuito in questo primo anno di scuola elementare dagli atti di crudeltà dei compagni di classe che, approfittando della condizione d’impotenza della bambina, le hanno tagliato i capelli in classe per 6 volte.

Bambina disabile di 5 anni vittima di bullismo a scuola: la testimonianza della madre

Se nel corso dell’anno la giovane madre ha incassato la crudeltà dei bambini denunciando l’accaduto alla scuola, adesso che l’anno scolastico è finito la donna ha deciso di denunciare in pubblico gli episodi di bullismo per sensibilizzare l’opinione pubblica, i genitori dei compagni di classe della figlia ed i bambini stessi sui problemi di Melissa e sui danni morali che simili comportamenti possono causare ad una bambina di 5 anni già vessata da una condizione genetica rara e complicata da gestire.

La donna spiega come nonostante i continui reclami all’istituto non siano serviti a fermare gli episodi di bullismo: “Melissa ha cominciato a frequentare la nuova scuola nel settembre del 2017 ed è  tornata a casa con i capelli tagliati almeno 6 volte. La prima volta che è successo la scuola ha parlato ai bambini della pericolosità di usare le forbici. La seconda volta, successa nel febbraio di quest’anno, la maestra mi ha promesso che avrebbe tenuto la situazione sotto controllo”.

Nonostante questo la violenza ai danni della bambina si è ripetuta altre 4 volte, portando la donna a chiedere all’istituto di togliere le forbici dalla disponibilità dei bambini senza risultato: “Mi hanno detto che le forbici sono essenziali per il processo di crescita”. Dopo l’ultimo episodio la scuola ha promesso alla signora Flemming che avrebbe investigato e punito il colpevole, ma ancora oggi non ci sono state evoluzioni.