CONDIVIDI
Matteo Salvini
Matteo Salvini ©Getty Images

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parla di diritto d’asilo e di censimento dei Rom. “Servono regole più efficaci, non cambio la mia idea”.

Matteo Salvini ha incontrato al ministero dell’Interno, da lui presieduti, diversi esponenti delle Commissioni territoriali, in un incontro che è servito anche a rinsaldare ulteriormente il rapporto tra l’Ente centrale e quelli locali dislocati in tutta Italia. Il leader della Lega Nord, nelle sue vesti di ministro, ha esordito con un doveroso ringraziamento per tutti coloro che hanno presenziato all’evento. “Ritengo che sia fondamentale rendere massimamente efficienti e veloci le procedure di esame delle istanze di riconoscimento della protezione da parte delle commissioni operanti sul territorio, a tutela di coloro che hanno veramente diritto all’asilo e a ricominciare una nuova vita”.

Salvini e la patata bollente sull’immigrazione

L’argomento toccato da Salvini è di quelli delicati e scottanti. Negli ultimi giorni non si fa che parlare della vicenda della nave ‘Acquarius’, giunta dall’Africa con oltre 600 migranti a bordo e dirottata a Valencia, in Spagna, dopo il no dello stesso Salvini all’attracco sulle coste italiane. Una presa di posizione che ha scatenato delle dure reazioni nei confronti del ministro dell’Interno da parte di personalità politiche e non solo. All’incontro di oggi Salvini ha proseguito: “Sono certo che la vostra presenza e la vostra professionalità costituiranno un valore aggiunto per ridurre i tempi di esame delle richieste e fornire una adeguata risposta a chi fugge da persecuzioni, torture o dalla guerra. Un importante apporto allo smaltimento dell’arretrato verrà anche dalla assunzione dei 171 idonei del concorso per cui sono già disponibili le relative risorse finanziarie”.

Censimento dei Rom, “Non mollo”

Al meeting hanno presenziato anche altre illustre personalità quali Gerarda Pantalone, numero uno del dipartimento per Libertà civili ed Immigrazione, oltre a Luigi Verratta, Capo del dipartimento per le Politiche del personale dell’amministrazione civile dell’Interno, e Sandra Sarti. Quest’ultima ricopre l’incarico di presidente della Commissione nazionale per il diritto di asilo, Sandra Sarti. Sull’annunciata volontà di voler procedere ad un censimento dei rom, Salvini resiste: “Non recedo, la mia idea è questa ed andrò avanti. Se è la sinistra a proporlo, assieme al controllo dei soldi pubblici spesi, va bene. Se sono io a farlo c’è razzismo. Ma ribadisco: prima gli italiani e la loro sicurezza”. Un pensiero ribadito poi sempre oggi anche su Twitter, anche se poi Salvini corregge parzialmente il tiro. “Non c’è alcuna motivazione di natura etnico. Non mi interessa la razza. Io accolgo tutti, purché rispettino le regole di una società civile”.