CONDIVIDI
Svezia-Corea del Sud
La Svezia esulta (Getty Images)

In Svezia-Corea Del Sud anche un curioso caso di “spionaggio” ad opera del ct Shin Tae-Yong

Partita dal sapore amaro per l’Italia, questo Svezia-Corea Del Sud. Da una parte i “cecchini” che hanno impedito agli azzurri di Ventura di partecipare a questi Mondiali di Russia 2018, dall’altra la squadra che ci buttò fuori dal Mondiale 2002, quello che si giocò proprio in Corea del Sud e che da quel giorno per gli italiani ha solo un nome e un cognome: Byron Moreno. Svezia-Corea Del Sud è terminata 1-0 con gol su rigore di Granqvist, ma è stata una partita molto tesa fin dal pre-partita, per un clamoroso caso di spionaggio che ha movimentato parecchio la vigilia. Un girone di ferro per entrambe, in un raggruppamento che vede favorite al passaggio del turno Germania e Messico, tanto che bisogna inventarsi qualcosa per provare almeno a sovvertire i pronostici. Gli svedesi, come spesso si usa, sono andati quatti quatti a “spiare” gli allenamenti della Corea, ma non hanno fatto i conti con il ct Shin Tae-Yong, che aveva preparato loro un bello scherzetto.

Forse ti interessa anche — > Mondiali 2018, Giorgia Rossi sorprende tutti su Mediaset

Svezia-Corea del Sud, ecco come Shin Tae-Yong ha annullato lo “spionaggio”

Svezia-Corea del Sud
La Corea del Sud (Getty Images)

Prima di Svezia-Corea del Sud si è creato questo piccolo caso, alimentato anche dal ct coreano Shin Tae-Yong, che ha raccontato un po’ cosa ha fatto per confondere le idee agli svedesi: ha stravolto completamente la numerazione della squadra e ha cambiato anche qualche ruolo negli allenamenti, in modo da mandare in confusione gli svedesi, complice anche la scarsa fama dei coreani e la proverbiale “somiglianza” dell’uno con l’altro: “L’ho fatto di proposito – ha detto Shin Tae-Yong – con quasi tutti i calciatori che avevo a disposizione tranne quelli famosi come Son e il capitano Ki Sung. Lo so bene che per gli occidentali è abbastanza difficile distinguere i giocatori asiatici e allora ho provato a confonderli così”. Peccato che la mossa non abbia dato i frutti sperati: con un rigore di Granqvist la Svezia ha battuto i coreani e ha annullato probabilmente del tutto le loro possibilità di passare il turno.