CONDIVIDI
Anna Tatangelo lutto
(Instagram)

Grave lutto per la cantante Anna Tatangelo, ex di Gigi D’Alessio: è morta la sua nonna materna Annina, l’anziana aveva 86 anni.

Un grave lutto ha colpito la cantante Anna Tatangelo: mentre si parla di un suo riavvicinamento a Gigi D’Alessio, infatti, la 31enne campana ha appreso del decesso della sua cara nonna materna, Annita Paniccia, per tutti Nannina. La donna aveva 86 anni ed è deceduta nella residenza sanitaria assistenziale “Salus” di Isola del Liri.

Leggi anche –> Anna Tatangelo, malore in ospedale: era appena diventata zia

Il rapporto di Anna Tatangelo con sua nonna

I funerali dell’anziana si sono celebrati presso la chiesa della Madonna del Divino Amore, a Pontrinio. La nonna di Anna Tatangelo aveva da poco ricevuto una bella notizia: infatti, nei giorni scorsi era nata Sofia, secondogenita della sorella di Anna Tatangelo, venuta alla luce all’ospedale Santissima Trinità.

Nel corso delle operazioni di parto, peraltro, Anna Tatangelo si era sentita male, svenendo. Sulle Stories di Instagram aveva pubblicato un video che la mostrava sdraiata sulle sedie della sala d’attesa. Nella didascalia che accompagnava il video si leggeva: “Benvenuta Sofia, sono svenuta per l’emozione ma sono felicissima”.

Leggi anche –> Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio, i figli del cantante la insultano ancora

Anna Tatangelo e l’attacco ai paparazzi

Anna Tatangelo ha intanto rilasciato un’intervista al portale Gay.it, nella quale si scaglia contro i paparazzi: “Mi dispiace vederli tutte quelle ore, sotto casa, ad aspettare un mio passo falso. Mi hanno fotografata in tutti i modi: quando parto, quando torno, mentre faccio la spesa e persino quando vado a prendere mio figlio a scuola. Quando non lavoro amo stare a casa. Mi piace cucinare, mi piace giocare con il piccolo e mi rilasso a chiacchierare con i miei amici a cena. Se pensano di trovarmi ubriaca al ritorno di una serata in discoteca, si sbagliano di grosso”.

Con lei di mezzo, insomma, è inutile cercare uno scoop: “Sono una che preferisce starsene in assoluta tranquillità. Non è un difetto e non è nemmeno un sentirsi più grandi. Sarà che vengo da una famiglia dove a noi figli era vietato far tardi. Mia sorella a ventisette anni doveva rincasare assolutamente prima di mezzanotte”.