CONDIVIDI
Genova
(Facebook)

Salvini in ospedale dal poliziotto ferito a Genova con 5 coltellate. 

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha da poco postato su Facebook le foto del suo incontro con Paolo, il poliziotto ferito con cinque coltellate a Genova. Salvini commenta così questa visita sul proprio profilo social: “Genova, ho portato il mio e vostro GRAZIE a Paolo, uomo della Polizia di Stato ferito con 5 coltellate ma pronto a tornare alla sua famiglia e al suo lavoro!”.

Leggi anche –> Taser ai poliziotti, le parole del capo della Polizia Gabrielli

Poliziotto ferito a Genova, ecco cosa è accaduto

Domenica scorsa durante un trattamento sanitario obbligatorio nei confronti di Jefferson Tomalà, ventenne originario dell’Ecuador, quest’ultimo si era ribellato accoltellando per l’appunto l’agente di polizia. Il suo collega a quel punto aveva aperto il fuoco e aveva ucciso l’ecuadoriano. Poco dopo gli eventi Salvini aveva da subito espresso il proprio parere: “Non solo da ministro, ma da cittadino italiano e da papà sarò vicino in ogni modo possibile a questo poliziotto che ha fatto solo il suo dovere salvando la vita a un collega”. Sulla vicenda era intervenuto anche il Capo della Polizia Gabrielli, primo ad andare in ospedale a trovare i due agenti coinvolti: “Ho trovato bene entrambi gli agenti, il collega ferito ancora con i postumi è scosso, ringrazio i medici e la struttura sanitaria per la cura dell’aspetto chirurgico ma anche per quello psicologico, molto importante. Vale anche per il giovane collega, che è stato risolutivo, anche se queste vicende lasciano sempre un aspetto di amarezza, perché quando muore una persona, anche se è una persona che delinque, che si è posta in una condizione di offesa nei nostri confronti, credo che non sia mai una cosa positiva e mi fa piacere che di questo ne abbia contezza anche il collega, perché mai dobbiamo perdere quel profilo di umanità che alla fine contraddistingue la nostra attività. Ovviamente siamo molto fiduciosi nell’iter giudiziario, abbiamo massima assoluta e completa fiducia nei confronti del loro operato”.

Leggi anche –> Don Giorgio: “Salvini razzista, criminale e blasfemo, buttiamolo fuori dall’Italia”