CONDIVIDI
fabrizio corona intervista
(screenshot video)

Fabrizio Corona: intervista da Massimo Giletti, ma rischia il carcere e infatti spiega di essere molto preoccupato per quello che dirà.

Massimo Giletti ha piazzato un altro dei suoi colpi: il conduttore televisivo – domenica 17 giugno – condurrà una puntata speciale del suo ‘Non è l’Arena’ e ospite in studio, per un’intervista esclusiva, ci sarà l’ex fotografo dei vip, Fabrizio Corona, ancora alle prese coi suoi guai giudiziari. Mentre dunque si parla di un suo possibile ritorno in Rai, Massimo Giletti prosegue nel suo lavoro.

Leggi anche –> Massimo Giletti tornerà in Rai il prossimo anno: chi rischia ora?

Perché Fabrizio Corona rischia dopo l’intervista a Massimo Giletti

L’intervista potrebbe però costare cara a Fabrizio Corona, come da questi spiegato ai microfoni della trasmissione di Rai Radio1 ‘Un giorno da pecora’, condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. Ha detto l’ex paparazzo dei vip: “Sono un po’ preoccupato. Sono stato rimproverato per le dichiarazioni fatte dopo l’appello contro il PG, chiedo scusa al mio magistrato di sorveglianza. Il 19, ho la camera di consiglio e spero di non esagerare. Rivisiteremo il mio caso giudiziario e ho paura di dirne di tutti i colori”.

Fabrizio Corona si è poi lasciato andare a una battuta: “Meglio che mi beva due vodka tonic…”. L’ex paparazzo ha scelto Massimo Giletti per un confronto sul modello uno contro tutti. Una puntata, quella di domenica, che sarà dunque totalmente incentrata sulla sua figura. Ma, come appunto spiegato a ‘Un giorno da pecora’, per Fabrizio Corona a causa del suo carattere è sempre difficile controllare le proprie emozioni. Insomma, in vista dell’intervista di domenica sera, l’ex fidanzato di Belen Rodriguez dovrà davvero stare molto attento a quello che potrebbe dire. Nei giorni scorsi, Fabrizio Corona si era ancora una volta detto perseguitato, quindi aveva attaccato il neo ministro Matteo Salvini.

Leggi anche –> Corona e De Martino, i due ex di Belen abbracciati insieme – VIDEO

A cura di Gabriele Mastroleo