CONDIVIDI
spiagge-care-italia-quali-sono-spesa-media
iStock

La classifica delle spiagge più care d’Italia secondo l’analisi del sito spagnolo Travelbird.

Decidere di andare in vacanza al mare in alcune delle spiagge magari più belle del mondo non è sempre facile. I motivi sono essenzialmente legati al costo: una vacanza al mare, infatti, di solito è piuttosto dispendiosa, soprattutto se si decide di partire nei mesi classici di ferie ossia a luglio ed agosto. Ma quali sono le spiagge più care d’Italia?

La classifica delle spiagge più care d’Italia

Il sito olandese Travelbird, per il terzo anno consecutivo, ha fatto una classifica delle località italiane più care dove trascorrere una normale giornata in spiaggia. Per stilare questo elenco sono state così considerate le tariffe medie di oltre 250 spiagge con tutti i loro servizi annessi. Viene infatti considerato l’ingresso, un lettino, un ombrellone per un giorno e sono stati considerati anche i servizi accessori come il costo medio di una bottiglietta di crema solare, una bottiglietta d’acqua o una birra, un gelato e il pranzo.

Nelle prime 100 spiagge più costose ci sono ben 8 spiagge italiane. La prima  è in Liguria e si tratta di Finale Ligure perché, analizzando tutti i valori di cui sopra, vediamo che per un giorno di mare la spesa media è di circa €80.

Al quarto posto della classifica ci spostiamo invece a Cagliari a Solanas dove la spesa media è di circa €65 al giorno; scendendo ancora nella classifica al trentacinquesimo posto c’è la spiaggia di Lannio a Salerno dove trascorrere una giornata in spiaggia con un lettino, un pranzo, una bottiglietta d’acqua e un po’ di crema solare la spesa media è di €52. La classifica prosegue e i prezzi purché ben che si abbassino sono comunque elevati: al 42esimo posto andiamo ad Alghero con la spiaggia di Maria Pia sempre con un costo di circa €50 poi seguono Scalea in Calabria con 48 € e Crucicchia in Sicilia sempre con €48.

Vacanze al mare low cost: come fare?

Tutto questo se si decide di trascorrere una giornata in spiaggia in uno stabilimento balneare di un certo tipo. Ovviamente queste spiagge non sono in assoluto le più care e si può anche decidere di andare in una di questi lidi senza però spendere le cifre trovate dalla classifica di Travelbird.

Di modi per andare al mare low cost e nelle spiagge d’Italia senza spendere molto ci sono: basta andare nelle spiagge libere, portarsi magari il pranzo e l’acqua da casa e decidere di fare eventualmente un aperitivo non proprio in spiaggia, ma magari in un localino nel centro della città dove si possono anche trovare degli scorci inaspettati che, se fossimo rimasti in spiaggia, non avremmo notato!