CONDIVIDI

Laura Pausini attaccata dal presentatore Bernardini si infuriaIl giornalista Massimo Bernardini punzecchia Laura Pausini, la cantante va su tutte le furie sui social.

Mosso dalla stima che prova nei suoi confronti e da una confidenza che in pochi si possono permettere, Massimo Bernardini ha voluto commentare pubblicamente l’ultimo album di Laura Pausini, riservando delle critiche per la cantante sulla maturità dei testi che sono state travisate sia dall’artista che dal grande pubblico sui social. Bernardini ha infatti detto di Laura Pausini: “Adoro Laura, la stimo come musicista e cantante, ma la sua ansia di sembrare up to date a tutti i costi a metà dei quaranta mi delude. È tempo di maturità, di dischi importanti senza compromessi, di cover immortaliamo”, quindi si  è rivolto direttamente a lei, aggiungendo: “Basta ammiccamenti, sei una signora”. Il commento ha mandato su tutte le furie la cantante che ha interpretato la frase come sessista ed ha risposto: “Che vergogna leggere una frase del genere da un uomo. Io sono così Massimo. Lo sono in casa come un tv. Canto frasi leggere come più profonde e mature”, aggiungendo che si veste come vuole, così come deve fare qualsiasi altra donna di qualsiasi età.

Lite Bernardini-Pausini: l’attacco degli haters sui social

Preso in contropiede dalla reazione della cantante, il conduttore ha risposto che il suo non era un commento sessista, ma solo professionale sui testi delle canzoni e che gli ammiccamenti a cui faceva riferimento non erano di ordine sessuale ma puramente testuali. Anche questa interpretazione non è andata a genio a Laura che ha risposto al chiarimento di Bernardini in questo modo: “Nel mio repertorio ci sono anche canzoni di grande classe e con messaggi che non ammiccano a nulla, ma cercano un invito alla riflessione. Sei stato leggero a scrivere queste parole pubblicamente visto che ci conosciamo e sai bene che i social portano polemiche. Ascolta il disco”.

Bernardini accetta l’invito a riascoltare il disco ma insiste sul fatto che la sua critica possa essere utile in futuro alla cantante: “Ho la presunzione che la mia insignificante puntura di spillo, di fronte a un’artista dalla carriera imponente come la tua, possa servire”. La diatriba sarebbe potuta finire lì, ma gruppi di haters hanno strumentalizzato le parole del giornalista per attaccare la cantante, costringendola a sottolineare il danno causato dalle sue parole. A questo punto Bernardini si è visto costretto a dissociarsi dalla campagna di odio contro la Pausini nella speranza che tale scempio finisca: “Ho sottovalutato la grossolanità, la superficialità e la diffusività della rete quando ti coinvolge: me ne scuso. Chiunque usi le mie riflessioni contro Laura non ha capito niente e crede che io voglia denigrarla, quando in realtà ho solo infinita stima per lei”. La stessa artista ha voluto infine rispondere a chi la critica con una frecciata al vetriolo: “La connessione ad Internet ormai ce l’hanno tutti, è la connessione al cervello che continua a scarseggiare”.