CONDIVIDI
Gino Santercole
(screenshot Youtube)

Lutto nel mondo della musica italiana: morto improvvisamente a 77 anni Gino Santercole, cognato di Adriano Celentano e fondatore del Clan.

È morto di infarto a 77 anni nella sua casa a Roma, Gino Santercole, nipote e cognato di Adriano Celentano. Per lui scrisse alcuni dei brani più famosi, come Una carezza in un pugno e Svalutation. Risale a qualche anno fa il suo ultimo disco Voglio essere me.

Leggi anche –> Grave lutto per Shalpy, è morta la mamma dopo lunga malattia

Chi era Gino Santercole

Appena due anni più giovane del Molleggiato, Gino Santercole era suo nipote. Infatti era figlio di Rosa, la sorella maggiore di Adriano Celentano. Era nato a Milano e insieme al noto artista era cresciuto nella via Gluck. Rimasto orfano molto piccolo, da giovanissimo inizia a collaborare con lo zio, come orologiaio. I due debuttano nel mondo della musica prima con i Rock Boys poi con i Ribelli. Arriva quindi il successo, con il Clan Celentano: con Santercole, che suona la chitarra, ci sono artisti come Ricky Gianco e Don Backy.

In quegli anni sposa anche Anna Moroni, sorella di Claudia Mori. In questo modo, diventa il cognato oltre che il nipote di Adriano Celentano: tra i due è profonda anche l’amicizia. Oltre ai brani già citati, scrive anche Un bimbo sul leone, Straordinariamente e tante altre canzoni. Gino Santercole vanta anche una notevole carriera cinematografica: lavora tra gli altri con Pietro Germi, Dino Risi, Giuliano Montaldo, Luigi Comencini, Luciano Salce, Mario Monicelli.

Risale alla fine degli anni Settanta il suo periodo più buio: la depressione, il divorzio, la rottura con lo zio-cognato. Solo a fine anni Novanta, Gino Santercole si riappacifica pubblicamente con Adriano Celentano. Si sposa di nuovo e il figlio decide di chiamarlo come lo zio, cognato e amico. Quattro anni fa, esce il suo ultimo disco ‘ Voglio Essere Me’, del quale dice: “Oggi i ragazzi vogliono essere tutti come Vasco Rossi, io voglio essere me. Per questo nell’album ho inserito diversi stili, tutti legati alle mie radici”. L’album è infatti un omaggio alle sue origini e a una lunga carriera.

A cura di Gabriele Mastroleo