CONDIVIDI
morto anthony bourdain
(ANGELA WEISS/AFP/Getty Images)

Morto suicida Anthony Bourdain, chef che ha girato il mondo, nonché raffinato scrittore e compagno di Asia Argento, aveva 61 anni.

Anthony Bourdain, chef giramondo, nonché talentuoso narratore e scrittore che ha catturato spettatori della CNN in tutto il mondo, è morto. Aveva 61 anni. Era sentimentalmente legato all’attrice italiana Asia Argento. La CNN ha confermato la morte di Bourdain venerdì e ha affermato che la causa della morte è il suicidio. “È con straordinaria tristezza che possiamo confermare la morte del nostro amico e collega, Anthony Bourdain”, ha detto il network in una dichiarazione fatta in mattinata.

Leggi anche –> Olanda: lutto nella Casa reale, morta suicida la sorella della regina

Morto Anthony Bourdain: cordoglio per la scomparsa

Prosegue la CNN: “Il suo amore per la grande avventura, i nuovi amici, il buon cibo e le bevande e le straordinarie storie del mondo lo hanno reso un narratore unico”. Il noto network televisivo si stringe intorno ai familiari di Anthony Bourdain, in particolare alla figlia. “Tony era un talento eccezionale”, ha detto il presidente della CNN Jeff Zucker in una e-mail ai dipendenti. Quindi ha sottolineato: “Tony mancherà moltissimo non solo per il suo lavoro ma anche per la passione con cui lo ha fatto”.

Le reazioni stupefatte alla sua morte da parte di spettatori, colleghi chef, celebrità e altri hanno travolto i social media. Tra i primi a rendere omaggio allo chef c’è stato l’attore John Hodgman, suo cliente quasi tre lustri fa. “Sono scioccato e profondamente rattristato”, ha scritto su Twitter lo chef e star di  “Queer Eye”, Antoni Porowski.

Leggi anche –> Morta la scrittrice Alessandra Appiano, ipotesi suicidio. Aveva 59 anni

Com’è morto Anthony Bourdain

Il suo caro amico Eric Ripert, lo chef francese, ha trovato Bourdain privo di sensi nella sua camera d’albergo venerdì mattina. Bourdain era un maestro del suo mestiere. Attraverso i suoi programmi televisivi e i suoi libri, ha esplorato la condizione umana e aiutato il pubblico a pensare in modo diverso al cibo, ai viaggi e a se stessi. Sosteneva le popolazioni emarginate e faceva una campagna per condizioni di lavoro più sicure per il personale dei ristoranti. La celebrità giunge alla fine degli anni Novanta, quando scrive un articolo del New Yorker e successivamente inizia a pubblicare best-seller. Nel 2013, ha avviato la fortunata collaborazione con la CNN.

La morte del noto chef arriva a qualche giorno dal suicidio della stilista Kate Spade nel suo appartamento di Manhattan. Il suicidio è un problema crescente negli Stati Uniti: i dati mostrano un tendenziale aumento.

A cura di Gabriele Mastroleo