CONDIVIDI
(Amazon Italia)

Amazon Italia dovrà assumere 1.300 lavoratori a tempo indeterminato: lo ha deciso l’Ispettorato del lavoro al termine di una vertenza.

Circa 1.300 lavoratori precari di Amazon Italia hanno diritto ad essere assunti in pianta stabile dal colosso della logistica: lo ha deciso l’Ispettorato del lavoro. Si tratta di una sentenza davvero importante per il mondo del lavoro. Amazon Italia, stando a quanto stabilito dalla sentenza, avrebbe sforato le quote per l’utilizzo di “lavoratori somministrati”. L’Ispettorato del lavoro ha dovuto anche chiarire rispetto ad alcuni comportamenti aziendali, come l’utilizzo del braccialetto elettronico.

Leggi anche –> Il supermercato di Amazon senza casse nè code: dove apre e come funziona

Amazon Italia: cosa ha deciso l’Ispettorato del lavoro

Si legge nella nota dell’Ispettorato del lavoro: “È stato contestato all’azienda di aver utilizzato, nel periodo da luglio a dicembre 2017, i lavoratori somministrati oltre i limiti quantitativi individuati dal contratto collettivo applicato”. E ancora: “Si evidenzia che l’iniziativa ispettiva potrà consentire la stabilizzazione degli oltre 1.300 lavoratori interinali utilizzati oltre i limiti, i quali pertanto potranno richiedere di essere assunti, a tempo indeterminato, e a far data dal primo giorno di utilizzo, direttamente dalla società Amazon”. Nessuna irregolarità invece per quanto concerne i braccialetti elettronici.

“È una notizia molto importante. Adesso chiederemo un incontro all’azienda e alle agenzie di somministrazione per parlare della vicenda”, sono state le prime parole di Fiorenzo Molinari, segretario della Filcams-Cgil di Piacenza. Gli fa eco la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti: “Finalmente, grazie alle denunce del sindacato e dei lavoratori coinvolti, l’Ispettorato del lavoro ha accertato la grave lesione dei diritti per 1300 dipendenti di Amazon. Dopo l’importante accordo di Piacenza, continueremo a batterci per far rispettare i diritti e estenderli ai nuovi lavori”.

I controlli scattarono in concomitanza con le proteste nel Black Friday.  “E’ una vittoria dell’impegno dei lavoratori e del sindacato e conferma la nostra linea”, esulta su Twitter Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil. Amazon Italia da parte sua commenta: “Rispettiamo il lavoro svolto dall’autorità ispettiva e ci impegniamo affinché tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile”. Quindi si definisce “un datore di lavoro corretto e responsabile”.

A cura di Gabriele Mastroleo