CONDIVIDI
Vince due volte alla lotteria in 18 mesi, aveva 1 probabilità su 16 miliardi
(Websource/Archivio)

Un giocatore fortunato ha vinto alla lotteria due volte nel giro di 18 mesi, una fortuna sfacciata sopratutto se si pensa che aveva una possibilità su 16 miliardi.

Per tradizione sappiamo che la fortuna non guarda in faccia nessuno e per questo motivo le rappresentazioni della dea del corrispondente campo della vita mostrano una donna bendata. La dimostrazione che la buona sorte non può essere piegata arriva dalla Francia, più precisamente da Evian, dove un fortunatissimo giocatore della Lotteria è riuscito a conquistare il montepremi per due volte nel giro di appena 18 mesi. Il caso, più unico che raro, è stato condiviso dal quotidiano transalpino ‘Le Parisien‘ e sta facendo discutere tutto il Paese.

Doppia vittoria al ‘My Million’, lotteria presente in 12 nazioni europee

Il gioco ad estrazione che ha visto vincere il fortunato cittadino francese due volte nel giro di un anno e mezzo, si chiama My Million: per vincere è necessario che venga estratto un codice formato da due lettere e sette cifre presente nella schedina acquistata. Al primo premio, legato appunto al codice della schedina, si aggiunge la possibilità di vincere un montepremi inferiore indovinando 5 numeri e due stelle (come il superenalotto). Il gioco è presente in 12 Paesi europei (non esiste in Italia) tra cui la Francia (appunto), Montecarlo, Spagna, Regno Unito e Portogallo.

Il primo colpo fortunato del cittadino di Evian risale al 16 novembre del 2016, seguito dal secondo lo scorso 18 maggio. Quello che risulta ancora più incredibile è che entrambe le giocate sono state effettuate nella stessa ricevitoria. L’uomo non ha utilizzato nessuna tattica o sistema, si è semplicemente limitato a giocare la schedina nonostante avesse vinto un anno prima ed è stato baciato nuovamente dalla fortuna, sfacciata se si pensa che le probabilità di rivincere allo stesso gioco, nella stessa lotteria, dopo solo un anno e mezzo erano di una su 16 miliardi.