CONDIVIDI
Sala d’attesa (Facebook)

In uno studio medico di Roma in via Palmiro Togliatti 1640, un paziente è morto mentre era in sala d’attesa colpito dall’arma di una guardia giurata che si stava sottoponendo a visita nell’altra stanza.

Un drammatico susseguirsi di eventi accaduti a Colli Aniene, a Roma, ha portato, un uomo che era in fila dal medico in una sala d’attesa ed era in procinto di vedere il proprio dottore a morire per un colpo di pistola da parte di una guardia giurata che veniva visitata nella stanza adiacente.

Le indagini dei Carabinieri sull’accaduto

Dalle prime indagini effettuate dalle Forze dell’Ordine sembrerebbe, infatti, che il colpo sia partito alla guardia armata in modo del tutto accidentale e che il proiettile abbia attraversato il muro centrando il malcapitato per pura casualità.

Leggi anche —> Roma: rubata la carrozzina motorizzata a Flaminia, malata di sclerosi multipla

L’incidente è accaduto alle 17 circa e sulla vicenda sono tutt’ora in corso degli accertamenti da parte dei Carabinieri della compagnia Montesacro e di quelli di via In Selci che hanno effettuato i rilievi ed ascoltato i testimoni ma l’uomo ucciso, un 68enne romano, sembrerebbe essere stato, purtroppo, vittima di una serie di sfortunati eventi. Una coincidenza tragica che non ha dato scampo ad un uomo che stava svolgendo una di quelle banali attività che di certo non possono definirsi a rischio. Come diceva lo scrittore e giornalista spagnolo Arturo Pérez-Reverte nel libro Il cecchino paziente “Il Fato è un cacciatore paziente. Certe coincidenze sono scritte in anticipo, come cecchini acquattati con un occhio nel mirino e un dito sul grilletto, in attesa del momento adatto”

Marta Colanera