CONDIVIDI
uber autista spara
Fonte: Twitter

Michael Hancock, autista di Uber, ha ucciso con colpi d’arma da fuoco il passeggero Hyun Kim to Hyun

Ha dell’incredibile quando accaduto la scorsa notte negli Stati Uniti. Un autista di Uber ha ucciso a morte un suo passeggero su un’autostrada interstatale di Denver. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’omicidio è scaturito a causa di un alterco tra i due. L’uomo è stato colpito poco prima delle 3 del mattino sull’Interstate 25 e successivamente è morto in ospedale. Inizialmente l’autista è stato anche curato e rilasciato dall’ospedale per lesioni non specificate, ha detto il portavoce della polizia Sonny Jackson. In quel momento la polizia stava ancora indagando su cosa avesse portato alla sparatoria e se l’uomo ucciso fosse armato. Jackson ha detto che l’autista ha lavorato per Uber, ma la polizia ha ancora bisogno di conferme per capire meglio la situazione. Non sembra che le due persone si conoscessero.

Le indagini della polizia e la confessione dell’autista Michael Hancock

In una dichiarazione, l’azienda Uber ha espresso tutto il suo sconforto dichiarando di essere “profondamente turbata” da quanto accaduto. “I nostri pensieri sono rivolti alle famiglie di coloro che sono coinvolti e continueremo a lavorare a stretto contatto con la polizia”, ​​ha affermato. Il passeggero, il 45enne Hyun Kim to Hyun, è stato colpito da diversi spari dell’autista, Michael Hancock, 29 anni. Hancock ha affermato che il passeggero lo ha aggredito, secondo il rapporto della polizia, e lui si è protetto. I risultati dell’indagine e degli interrogatori saranno consegnati ai pubblici ministeri, che decideranno se presentare eventuali accuse. L’auto sulla quale viaggiavano le due persone si è schiantata contro un muro. Nei paraggi è stato trovato anche un veicolo sportivo con le portiere aperte, ma il portavoce della polizia Sonny Jackson ha detto che non è stato coinvolto nella sparatoria. Agenti di polizia sono stati visti camminare sulle corsie chiuse dell’autostrada vicino alla rampa alla ricerca di prove.