CONDIVIDI

Nel rispetto della sentenza dello scorso 10 aprile, i Tutor autostradali saranno tutti spenti.

Nella maggior parte dei casi, i Tutor gestiti dalla Polizia Stradale che calcolano la velocità media di percorrenza delle auto in determinati tratti autostradali sono stati spenti da tempo in osservanza della sentenza dello scorso 10 aprile del tribunale di appello di Roma che ha respinto il ricorso di Autostrade per l’Italia. Da oggi tutti quelli ancora in funzione verranno temporaneamente stoppati fino a data da destinarsi. Per il momento, quindi, si tornerà alla rilevazione classica della velocità attraverso autovelox e laser, ma è possibile che tra qualche tempo i Tutor tornino in funzione. La decisione, infatti, è stata presa in merito ad una diatriba sulla violazione del brevetto tra Autostrade per L’Italia e Craft (l’azienda che possiede il brevetto dei sistemi di rilevamento di velocità), probabile che il tutto si risolva dopo che le due società troveranno un accordo economico.

Tutor spenti: timore per le velocità e nuovo sistema di rilevamento sperimentale

Una volta dismessi i Tutor si teme che gli automobilisti possano spingere ulteriormente sull’acceleratore non preoccupandosi dei limiti imposti per legge, sicuri del fatto che adesso nessuno possa multarli con costanza come avveniva nei tratti con i sistemi di rilevamento della velocità media ancora in funzione. In realtà la minaccia della multa potrebbe essere più pressante: se prima chi aveva disponibilità economiche più importanti poteva evitare di dichiarare il guidatore pagando una somma aggiuntiva, con la rilevazione manuale questo non è più possibile e la somma di multe potrebbe portare più facilmente ad una sospensione della patente di guida.

Contromisure immediate a parte, Autostrade per l’Italia è già a lavoro su un sistema di rilevamento della velocità media sperimentale, il SICVe PM, che è già stato approvato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo scorso anno e che potrebbe essere introdotto nel caso in cui non si riesca a trovare un accordo soddisfacente con Craft per riattivare i Tutor dopo il periodo di sospensione.