CONDIVIDI
Droga al Grande Fratello, tornano i sospetti dopo la diretta di ieri
(Websource)

Grande Fratello 2018: tornano i sospetti sulla presenza di droga all’interno della casa dopo la puntata serale di ieri.

Non si sono placati i sospetti di presenza di droga all’interno della casa del Grande Fratello dopo la diretta di ieri sera. Nel corso della puntata, infatti, Barbara D’Urso ha intervistato Danilo Aquino, appena uscito dalla competizione dopo essere stato eliminato in semi finale. Insieme all’ex concorrente la conduttrice ha rivissuto i momenti più importanti all’interno del reality, quindi lo ha interrogato su quella discussione con Patrizia Bonetti in cui si faceva riferimento all’utilizzo di cocaina da parte di Aida Nizar.

Grande Fratello, Barbara D’Urso interroga Aquino sulla cocaina: l’occhiolino sospetto di Patrizia

Danilo Aquino risponde di non ricordarsi quella conversazione e smentisce che all’interno della casa ci sia mai stata la sostanza stupefacente, ma subito dopo aver proferito quelle parole viene immortalata Patrizia Bonetti che rivolge a Danilo un’occhiolino, un gesto di complicità tra i due che alimenta i dubbi degli spettatori. Subito dopo la conduttrice ha avviato una furiosa lite contro Aida Nizar, la principale sospettata dell’introduzione e del consumo della sostanza. Audio a parte, però, non ci sono prove dell’utilizzo di cocaina all’interno della casa e sarà difficile provare che qualcuno l’abbia portata all’interno.

A differenza del Canna-Gate de ‘L’Isola dei Famosi’, dove Monte è stato pubblicamente accusato da Eva Henger, in questo caso ci troviamo di fronte ad un’intercettazione trovata da Striscia la Notizia che non trova riscontri tra gli abitanti della casa. Che si tratti di uno stratagemma per attirare attenzione sul programma o che invece sia stata solo una frase utilizzata a sproposito e gonfiata, non si può negare che questa edizione del Grande Fratello non abbia spinto il programma verso un baratro di pochezza mai toccato prima, tanto da spingere gli sponsor a ritirarsi. Ci si chiede se a questo punto non sia il caso di mandare in pensione un format vecchio da anni che probabilmente non ha più nulla da far vedere.