CONDIVIDI
Strage di Erba: è morto in ospedale Carlo Castagna
(Websource)

Nella strage di Erba aveva perso la moglie, la figlia ed il nipote, oggi Carlo Castagna è morto nell’ospedale di Como dov’era ricoverato.

Dodici anni dopo la tragedia che lo ha colpito Carlo Castagna si è spento in ospedale a 75 anni. L’uomo era al centro della strage di Erba, quel triste giorno del 2006 aveva perso in una volta sola la moglie Paola, la figlia Raffaella e il nipotino Youssef (di soli 2 anni). Dotato di una profonda fede cristiana, Carlo era riuscito con il passare degli anni a concedere il perdono a Olindo Romano e Rosa Bazzi i due autori della strage condannati all’ergastolo per aver ucciso a colpi di spranga e coltellate quattro persone.

I due l’avrebbero fatta franca, ma una quinta vittima riuscì a sopravvivere al massacro e la sua testimonianza è stata decisiva per inchiodarli. Si trattava di Valeria Cherubini, vicina di casa di Raffaella che venne attirata nell’appartamento delle vittime quando ha visto uscire del fumo. Gli assassini, infatti, dopo aver sterminato la famiglia avevano appiccato il fuoco all’appartamento per non lasciare tracce.

Strage di Erba, morte Carlo Castagna: il ricordo del figlio Pietro

Secondo quanto riferito dai familiari ad ‘Ansa‘ i funerali di Carlo Castagna si terranno lunedì prossimo nella chiesa di Erba. In attesa della cerimonia e dell’ultimo addio a quest’uomo dotato di grande misericordia, il figlio Pietro ha voluto scrivere qualche parola in ricordo del padre sul proprio profilo social: “Oggi papà ci ha lasciati. Ne abbiamo passate tante insieme, ma tu eri per noi sempre una guida, un esempio da seguire e ammirare”, scrive Pietro che poi aggiunge: “Pur sapendo che adesso sarai felice perché hai ritrovato la tua Polly, Raffaella e il piccolo Fefè, a noi lasci una voragine immensa e ci mancherai infinitamente. Riposa in pace papà”.