CONDIVIDI
allarme bomba Kiev
Il pallone della finale di Kiev (Getty Images)

Allarme terrorismo a Kiev per la finale di Champions League: prima di Real Madrid-Liverpool evacuate stazioni metro per allarme bomba

Stasera c’è l’attesissima finale di Champions League 2018, Real Madrid-Liverpool, ma forse qualcuno non vuole che si disputi, o vuole semplicemente rovinarla. Alta tensione a Kiev, dove si giocherà la partita, per diversi episodi che hanno messo in allerta la polizia locale. Ci sono stati degli scontri tra le tifoserie di Real Madrid e Liverpool che hanno alimentato il clima di tensione, ora non poteva mancare l’allarme bomba. Minaccia terrorismo nella capitale ucraina, dove sono giunte delle segnalazioni in merito a presunte bombe piazzate nelle stazioni della metropolitana. Chiuse quindi cinque stazioni della metro per eseguire gli opportuni controlli: la segnalazione anonima – riportata dall’agenzia di stampa ucraina Interfax – viene tenuta in seria considerazione dall’intelligence del posto, che sta provando a capire se l’allarme bomba è reale o si tratta semplicemente di un mitomane. Intanto, per precauzione, sono state chiuse le stazioni metro di Dnipro, Hydropark, Livoberezhna, Arsenalna e Heroiv Dnipra.

Allarme bomba a Kiev per Real Madrid-Liverpool: le squadre si preparano alla sfida

Allarme bomba Kiev
Lo stadio di Kiev (Getty Images)

L’allarme bomba che ha messo in allarme Kiev non scalfisce la concentrazione delle squadre per Real Madrid-Liverpool, la finale di Champions League 2018 che stasera (a partire dalle 20.45) sarà vista praticamente da tutto il mondo. Di fronte c’è il Real di Zidane, alla terza finale consecutiva che potrebbe voler dire terzo successo consecutivo nella manifestazione, contro l’outsider per eccellenza, il Liverpool di Juergen Klopp arrivato fino in fondo e pronto a giocarsi le sue carte fino alla fine. Sarà anche la sfida fra due dei più grandi campioni di questi anni, che con tutta probabilità a fine anno si giocheranno il Pallone d’Oro. Da una parte Cristiano Ronaldo, il super-campione portoghese che in carriera ha vinto praticamente tutto, dall’altra l’emergente Mohamed Salah, ex attaccante della Roma che quest’anno in maglia Reds è letteralmente esploso. Un trionfo europeo potrebbe davvero spingere Salah a vincere il trofeo come miglior calciatore dell’anno infrangendo finalmente il duopolio Messi-Ronaldo.